Inzaghi, più di un gol a partita a Venezia e media punti incrementata nel ritorno

Il neo tecnico rossoblù parte a rilento poi accelera quando di solito il Bologna è calato

di Manuel Minguzzi, @manuel_minguzzi

L’esperienza da allenatore di Pippo Inzaghi è breve, anzi brevissima. Una stagione in Serie A col Milan, in mezzo a tanti problemi, poi la ripartenza dalla C – in cui aveva una squadra, il Venezia, per vincere il campionato – e poi la Serie B dove invece è andato sopra le proprie possibilità qualificandosi ai playoff. L’ultima stagione, dunque, può essere quella più attendibile per provare a tracciare un primo trend di rendimento delle squadre di Inzaghi.

Il Bologna, seppur in una categoria superiore, è partito a rilento esattamente come il Venezia di Inzaghi. Zero gol in 180 minuti per i rossoblù, ma i lagunari un anno fa partirono con sole 3 reti segnate nelle prime 6 giornate, ovvero 0.5 a partita. Poi all’improvviso l’impennata di gol con 14 marcature nelle successive 8. Alla fine il Venezia di Pippo chiuse alla 42esima giornata con 56 gol fatti (1.33 a partita) e 42 subiti (1 a gara).

Anche la media punti mensile conferma un trend in crescita nel girone di ritorno. Inzaghi ha mantenuto un ritmo regolare, ma in crescita, da settembre a novembre con una media punti rispettivamente di 1.5, 1.6 e 1.75 al mese. Solo a dicembre un calo con 0.8 in 5 partite, ma all’interno ci furono 4 risultati utili consecutivi (4 pareggi). Febbraio conferma il trend, altri 1.5 punti mensili, così come marzo (sempre 1.5), mentre ad aprile la crescita definitiva con 1.8 punti di media per chiudere a maggio con 1.75. A gennaio il picco (2.2) ma con sole 2 partite giocate.

Qui il riepilogo della media punti per mese.

Settembre 1.5 punti

Ottobre 1.6

Novembre 1.75

Dicembre 0.8 (4 pareggi consecutivi su 5)

Gennaio 2.2 (2 sole partite giocate)

Febbraio 1.5

Marzo 1.5

Aprile 1.8

Maggio 1.75

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy