Inzaghi e il passo falso di Bologna: venerdì il ritorno

L’infelice e difficile esperienza di Inzaghi a Bologna
di Davide Gerosa

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

A giugno 2018 il Bologna saluta Roberto Donadoni ed è pronto ad accogliere un nuovo allenatore. In Serie B con il Venezia, Filippo Inzaghi sta facendo benissimo portando i veneti, in due anni, dalla Serie C ai playoff di Serie B. Il Bologna pensa che l’ex attaccante del Milan possa essere l’uomo giusto e così il 14 giugno lo presenta ufficialmente come nuovo tecnico.

La sua avventura a Bologna comincia con una vittoria in Coppa Italia per 2-0 contro il Padova e su di lui la piazza ripone subito tanta speranza e aspettative alte. Comincia il campionato, ma Pippo parte male raccogliendo solo un punto tra Spal e Frosinone e i gol fatti sono zero. Le prime e uniche vittorie in campionato sono contro Roma e Udinese alla quinta e alla settima giornata, poi il Bologna non riesce più a portare a casa i tre punti e il 3-5-2 di Inzaghi convince sempre meno. I rossoblù tornano alla vittoria in Coppa Italia per 3-0 contro il Crotone che sarà l’ultima gioia della gestione Inzaghi. La piazza comincia a spazientirsi, ma la svolta non arriva e i punti sono pochi. Il 27 gennaio 2019 il Bologna perde 0-4 in casa contro il Frosinone, probabilmente il punto più basso toccato a Bologna negli ultimi anni. Contestazione dei tifosi sotto la tribuna e Inzaghi viene esonerato. Arriva Mihajlovic che prende il Bologna dal penultimo posto, quasi condannato alla B, e a fine campionato i rossoblù sono decimi. Un vero e proprio miracolo del tecnico serbo che in 17 partite fa 30 punti. Inzaghi, nell’agosto 2019, riparte da Benevento e stravince il campionato di B con sette giornate d’anticipo. Torna in Serie A e alla terza giornata si prende la sua rivincita personale contro il Bologna, battendolo 1-0. Venerdì rivedremo Pippo a Bologna atto secondo, stavolta da avversario.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy