Gazzetta-Sinisa, “La partita della vita” e quel legame con la città

Mihajlovic nella sua autobiografia: “Voglio dare a questa gente tutte le soddisfazioni che merita”

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Il legame profondo tra Sinisa Mihajlovic e Bologna, che gli ha riconosciuto la cittadinanza onoraria, emerge molto spesso nelle pagine di “La partita della vita”, l’autobiografia del tecnico rossoblù.

“Nel libro ho detto tutto, senza nascondere nulla. Forse a qualcuno starò più antipatico”. Un viaggio lungo 51 anni di vita mai banale col filo conduttore degli eventi accaduti dal luglio 2019 in avanti in cui veniva rivelata la leucemia al mondo intero. E ancora: la trasferta di Verona, mantenendo una promessa che sennò per Sinisa sarebbe suonata come una sconfitta, i tifosi e tutta l’Italia al suo fianco nella battaglia, i due pellegrinaggi a San Luca, poi la risalita dopo il trapianto di midollo osseo e la riscoperta del rito prepartita con Walter Sabatini. Quel sigaro che Miha si concede al sabato mentre guardano assieme gli anticipi del campionato. Un uomo che ha sempre saputo rompere gli schemi, anche per vincere la partita della vita.

Fonte-Gazzetta

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy