Gazzetta – L’eterno Rodrigo che disse no al Gasp e alla Champions

Nel 2019 declinò la proposta dell’Atalanta anche per una promessa fatta a Mihajlovic

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Palacio oggi, dopo la tredicesima gara di fila, soffre terribilmente secondi tempi, eppure la filosofia sinisiana ha cittadinanza solo per la sua enciclopedica visione del ruolo da Falso-9.

Pure Gasperini conosce bene le qualità di Rodrigo, tanto che un’anno e mezza fa lo volle con sè. Proposta rispedita al mittente, merito di una promessa fatta dall’argentino a Mihajlovic: “Se firmi tu firmo anche io”. E fu così che Palacio rimase in rossoblù. Domani al Dall’Ara ci sarà proprio l’Atalanta del Gasp, dove la sintonia tra i due cominciò nel Genoa stagione 2009-10, con il Trenza che in 37 realizzò sette gol e sette assist. Una gara speciale dunque per entrambi, che da quella stagione non si sono più ritrovati e che domani lo faranno da avversari.

Fonte-Gazzetta

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy