Gasperini choc: “Ho avuto il Coronavirus, pensavo di morire”

Gasperini choc: “Ho avuto il Coronavirus, pensavo di morire”

La confessione dell’allenatore dell’Atalanta

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Il Coronavirus non guarda in faccia a nessuno, lo sappiamo. Diversi i calciatori colpiti, ma anche allenatori, dirigenti e addetti ai lavori. Fra questi, oggi scopriamo esserci stato anche Gian Piero Gasperini, attuale allenatore dell’Atalanta, che racconta la sua terribile esperienza ai microfoni de “La Gazzetta dello Sport”.

“Il giorno prima della partita col Valencia stavo male, il pomeriggio peggio. In panchina avevo una pessima faccia. Non avevo la febbre, ma mi sentivo a pezzi come se ce l’avessi a 40. Era il 10 marzo. Ho dormito poco e male anche le due notti successive a Zingonia – ammette il Gasp, che poi continua – Ogni due minuti sentivo passare un’ambulanza, era una situazione assurda. Sembrava di essere in guerra. Lì vicino c’era un ospedale, mi dicevo: ‘Se vado lì, cosa mi succede?’. Ho pensato di morire. Dieci giorni fa ho avuto i risultati dei test: avevo contratto il Coronavirus. Ora quindi ho sviluppato gli anticorpi, ma questo non significa che sia immune. Per fortuna ho sempre mantenuto le distanze con la mia famiglia a Torino”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy