Di Natale, TuttoJuve.com: “I bianconeri non sottovaluteranno l’impegno contro il Bologna”

Di Natale, TuttoJuve.com: “I bianconeri non sottovaluteranno l’impegno contro il Bologna”

Mirko Di Natale ha parlato di Juventus-Bologna a Radio 1909

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Mirko Di Natale, giornalista di tuttojuve.com, ha parlato dei bianconeri e di come a Torino si vive l’attesa per la sfida di domani contro il Bologna a Radio 1909.

Sulla partita di domani: “La Juve pensa partita per partita, quello con il Bologna è un impegno che non viene sottovalutato. Allegri ha a disposizione una rosa con tutti i giocatori che sono potenziali titolari, farà turnover. Bologna-Roma ha dimostrato che tutto può accadere, seppur veda la Juve favorita per domani”.

Sulla formazione bianconera: “C’è molta incertezza sul modulo. Allegri potrebbe giocare a 3 in difesa, concedendo un turno di riposo a Mandzukic, che però è ritenuto fondamentale e quindi vedremo le scelte del tecnico toscano. L’alternativa sarebbe un 4-3-3 con Cuadrado, Dybala e Ronaldo in avanti. Se Alex Sandro invece riposerà, Cuadrado e Cancelo faranno i terzini. Potrebbe giocare ancora Bentancur, con Pjanic che potrebbe partire dalla panchina”.

Le defezioni della Vecchia Signora finora: “L’unico punto debole sono le palle alte, la Juve ha già subito qualche gol così. Santander è in dubbio per il Bologna, se giocasse potrebbe creare qualche problema. Un’altra pecca potrebbe essere l’atteggiamento, a volte i bianconeri si specchiano troppo in sé stessi e non riescono a segnare, c’è poco cinismo questo stagione”.

Sulla coppia Cristiano Ronaldo-Dybala: “Il portoghese non è ancora al top, ma anche se non è in forma al 100% fisicamente è incredibile. Nonostante i 33 anni, al 94’ ha fatto uno scatto che Dybala non riusciva più a fare perché molto stanco. Lui solitamente inizia a segnare a valanga da dicembre in poi. Dybala? Sta vivendo un momento negativo, ha un po’ di insicurezza. era abituato ad essere il protagonista della squadra”.

Sul progetto rossoblù: “Il Bologna ha un progetto serio, che poche società hanno in Italia. Saputo è una persona conosciuta e rispettata, Inzaghi ha esperienza e sta costruendo un gruppo che ancora deve trovare i giusti meccanismi. A Torino i felsinei hanno sempre fatto belle partite, non è mai facile giocarci contro”.

Sullo stadio: “E’ importante, rivaluta il brand e fa crescere l’attenzione sulla società. La Juve ha fatto da apripista in questo campo, ora qualcosa si sta muovendo e tante squadre si stanno impegnando per regalare ai tifosi un bell’impianto, così come sta accadendo a Bologna”.

Sugli ex di questa partita: “Su Mattiello le aspettative erano abbastanza alte a Torino. L’infortunio che ebbe lo ha debilitato, ora sta tornando ai suoi veri livelli. Orsolini? E’ un bellissimo talento che non ha avuto la fortuna di mettersi ancora in mostra. Ha grandissime qualità e le ha dimostrate anche nel Mondiale Under 20. Ha pagato un po’ l’ambientamento in A con Gasperini, all’Atalanta. Spero che Bologna possa essere il suo habitat. Cambio di ruolo? Da mezz’ala deve adempiere a compiti difensivi a cui non è abituato, ma credo che con la voglia si possa giocare in qualsiasi posizione. Vedremo, se fallisse lì credo che Inzaghi potrebbe spostarlo in una posizione a lui più congeniale”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy