Costa: “Per me il pericolo di stasera non sarà tanto Ronaldo, ma la fame di gol di Dybala”

Costa: “Per me il pericolo di stasera non sarà tanto Ronaldo, ma la fame di gol di Dybala”

Diego Costa ha parlato della recente vittoria con la Roma e della partita di oggi contro la Juventus

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Diego Costa ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio 1909, parlando del Bologna.

Sulla vittoria contro la Roma: “Abbiamo vinto la partita sabato. Il supporto dei tifosi ha dato coraggio alla squadra, lo spirito giusto per scendere in campo. Ho visto un buon Bologna nel primo tempo, mentre nella ripresa siamo arretrati un po’: non tenevamo più il pallone dopo aver segnato il secondo gol, lasciando il pallino del gioco alla Roma. Non so se sia stata una scelta specifica di Inzaghi o una conseguenza dovuta alla condizione fisica della squadra, che faticava a salire. I giallorossi provavano a mettere molti cross in area, sembrava quasi un assedio e avevo molta ansia: si sono divorati diversi gol, segnandone uno la partita si sarebbe riaperta”.

Merito del Bfc o demerito della Roma? “Il Bologna è sottovalutato, ho sentito spesso l’espressione “senza offesa verso il Bologna, ma…”, come se fossimo una squadrata semplice da affrontare. L’obiettivo del Bfc per me è eliminare questa frase dalle dichiarazioni degli avversari nel post-partita. Se una big perde deve essere sempre colpa loro, mai una volta che invece si parli di merito della piccola squadra. La Roma si sta accorgendo di aver perso qualità con la partenza di Nainggolan e Strootman

Sulla Juventus, avversaria questa sera: “Sappiamo che torneremo da Torino quasi certamente meno allegri di quanto siamo ora. Pericoli? Non penso tanto a Ronaldo, che ancora non è ai massimi livelli, ma alla fame di giocatori come Dybala“.

Sulla formazione del Bfc: Calabresi con la Roma non mi è dispiaciuto, lo schiererei come terzino sinistro e Dijks davanti a lui nel 4-4-2, per creare ancor più una diga davanti alla porta. Dobbiamo fare i conti per arrivare anche alla partita di domenica, a centrocampo abbiamo molte defezioni. Nagy? Sto con Inzaghi, che ne ha apprezzato la prestazione e le sue qualità. Ha giocato senza timore con la Roma. Il suo limite è la fisicità, che questa sera potrebbe essere un problema contro la forza fisica della Juve”.

Su Santander: “Da giorni penso alla coppia Santander-Palacio, che potrebbe essere tanta roba. Ho visto anche Destro con molta voglia di fare. Il problema non è in attacco ora, ma a centrocampo, perché non è detto che se non fai gol la colpa sia degli attaccanti. La maggior parte delle squadre ha nell’inserimento del centrocampista la carta in più per segnare. Ad esempio, nella Lazio il giocatore che va più spesso in porta, a parte Immobile, è Parolo. Avremmo bisogno di un giocatore che faccia questo lavoro, magari potrebbe diventarlo Svanberg”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy