Civolani contro tutti: “Saputo via a giugno, di questa squadra non importa a nessuno”

Civolani contro tutti: “Saputo via a giugno, di questa squadra non importa a nessuno”

Il Civ ha commentato la sconfitta contro la Lazio

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Gianfranco Civolani ha parlato nel post partita, rilasciando qualche dichiarazione a caldo dopo la partita del Dall’Ara persa per 0-2 contro i biancocelesti.

“Il risultato ci sta tutto. Nel secondo tempo la Lazio si è addormentata, il Bologna è cresciuto ma non si è riusciti a segnare. Orsolini e Palacio devono sempre giocare dall’inizio e sono entrati troppo tardi, mentre Destro è stato di nuovo preso in giro da Inzaghi. Okwonkwo una barzelletta, Santander uno dei peggiori attaccanti della storia rossoblù. Oggi la classifica è bruttissima e sabato peggiorerà ancora. Mercato? Il grande colpo si dice che sarà Sansone, uno che al Villarreal non gioca per scelta tecnica e segnava due o tre anni fa. Non mi aspetto nulla dalla finestra di riparazione. Di questo Bologna non frega nulla né a Saputo né alla società, così come alla tifoseria, che si diverte a fare le cene dei club. Spero che a giugno, a prescindere da cosa accadrà, vadano tutti via, compresi il presidente canadese. Napoli? Sulla carta finirà 2-0 per loro”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fra.guidotti49 - 9 mesi fa

    Gentile Civolani, la sua critica a Santander è assolutamente impietosa ed ingiusta. Lei cita spesso tra i grandi centravanti del Bologna Kenneth Anderson che a Bologna ha avuto una media inferiore allo 0,30 mentre Santander, anche sul puro piano statistico, non è molto distante (0,23 con due assist per Orsolini e Palacio). Santander protegge bene la palla, fa salire la squadra, di testa ne prende una grande quantità smistando bene ai compagni. Infine è generoso come pochi (meno ora dopo il colpo subito col Crotone grazie al lungimirante ed egoista Pippo che non gli ha risparmiato quella inutile fatica). Kenneth giocava con a fianco gente come Signori e Kolyvanov e sfruttava, questo sì, molto bene il fisico, meno i piedi coi quali ciabattava anzichenò come fece davanti al portiere del Marsiglia (trovo più educati quelli del Ropèro). Lei peraltro, come tanti (non il sottoscritto) criticò al suo arrivo anche Julio Cruz (non dica di no!!!), per poi diventarne un estimatore (lo credo, era un fuoriclasse nel suo genere, anche se non un puntero). Oggi Santander nel primo tempo ha recuperato molti palloni trovandosi isolato in compagnia dell’imbere Okwonkwo e con il centrocampo ed i laterali che erano dieci metri indietro rispetto al necessario. Svanberg, per esempio, non è un mediano ma sarebbe un buon trequartista, invece lo ritroviamo a fare il marcatore. E così via, anche se i Signori ed i Kolyvanov non ci sono. Gli acquisti non sono stati, a mio parere, disastrosi ma puntando su alcuni giovani ed una squadra molto innovata serviva un allenatore più esperto, anche se Pippo ci aveva illusi col suo entusiasmo. Infine non buttiamo nel c…. Mr. Saputo, vogliamo forse Zanetti col suo fido Nosferatu a tagliare costi ancor prima di spendere. A me di questa squadra IMPORTA comunque, perchè è e resta il Bologna FC. Con i migliori saluti. Franco Guidotti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy