Cavina: “Parole di Fenucci confortanti per il futuro. Domenica credo che Destro sarà titolare”

Cavina: “Parole di Fenucci confortanti per il futuro. Domenica credo che Destro sarà titolare”

Michel Cavina di Radio Nettuno è intervenuto durante la trasmissione “Fire and Desire”

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Michel Cavina, radiocronista ufficiale del Bologna su Radio Nettuno, è intervenuto durante il programma “Fire and Desire” in onda su Radio 1909.

Sulla Nazionale Italiana: “Mancini finalmente è riuscito a far valere le sue idee e il suo lavoro. Ha schierato tutti i giocatori nel loro ruolo naturale, cosa che mi chiedevo da tempo perché non accadesse. I segnali sono confortanti, anche se il cammino è ancora lungo. L’importante è aver evitato la retrocessione in Serie B”.

Sulle parole di Saputo: Montreal e Bologna sono due squadre differenti per le quali valgono problematiche differenti. Ho sentito la sua conferenza, ma non mi ha lasciato preoccupazioni relative al Bologna. Sono d’accordo con Fenucci, che ha affermato come Saputo abbia solamente chiesto un aiuto alle istituzioni per i costi gravosi che la gestione degli Impact gli provoca. Però con il Bfc non c’entra assolutamente nulla, è stato creato un dibattito inutile durante gli ultimi giorni”.

Sulle parole di Fenucci: “Ha fatto capire che dal 2019/2020 il bilancio sarà in equilibrio, così come si spera sarà sistemata la questione stadio. Saputo ha sempre detto che dopo aver risanato le perdite di bilancio e dopo aver fatto partire il restyling dello stadio, si sarebbe iniziato a spendere di più per la squadra nel calciomercato. Ha sempre mantenuto la parola data in questi quattro anni, per cui non mi preoccuperei del futuro”.

Sugli infortuni: “Avere tutta la rosa a disposizione per tutta la stagione è quasi impossibile, statisticamente parlando. L’assenza di Mattiello dispiace, sia dal punto di vista umano che dal punto di vista tecnico, anche perché era in crescita. Ora c’è un’occasione per rivedere Mbaye in campo e dimostrare il suo valore per due o tre partite di fila. La rosa è stata costruita per avere due alternative per ogni ruolo, in questo senso Bigon si è mosso bene. Palacio? Secondo me domenica giocheranno Destro e Santander. Il discorso di Inzaghi che i due non possano giocare assieme era riferito soprattutto alla loro condizione fisica, che ora è migliorata notevolmente per entrambi. Per questo credo che li vedremo assieme dal primo minuto, considerata anche la forma non ottimale di Falcinelli ed Okwonkwo“.

Sul centrocampo: “Sono tutti a disposizione, ma credo giocheranno titolari ancora Svanberg e Dzemaili, con Poli in panchina. Pulgar tornerà titolare a discapito di Nagy“.

Su Danilo: “Credo che Inzaghi abbia spinto per il suo acquisto perché ha considerato la sua grande esperienza, che invece un giocatore come Tonelli non ha. E’ un leader”.

Sul Torino: “E’ un avversario molto forte, molto scomodo da affrontare. Hanno una rosa superiore alla nostra, soprattutto in attacco con Belotti, Zaza, Falque e anche il giovane Parigini. Non so se firmerei per il pareggio, perché credo che il Bologna potrebbe anche giocarsela. Se dovessimo fare un punto si smuoverebbe comunque la classifica, però si dovrà scendere in campo con la voglia di fare male al Toro. “.

Sul mercato: “E’ prestissimo per parlare di calciomercato, dipende anche da come andranno le cose da qui a gennaio. Pensiamo ai prossimi impegni, ci sono quattro partite complicate ma in teoria alla portata del Bfc”.

Sulla lotta retrocessione: “Sono convinto che il Bologna non retrocederà. Non so chi scenderà in B, però non sono assolutamente preoccupato per i rossoblù”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy