Carlino – Quei 250 giorni di Sinisa Mihajlovic

Carlino – Quei 250 giorni di Sinisa Mihajlovic

Il 4 luglio il tecnico scopriva la leucemia: da allora è successo di tutto, fino allo stop della Serie A

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Come cambiano in fretta le cose. E spesso in maniera del tutto imprevedibile. Il 4 luglio 2019 Sinisa Mihajlovic scopriva la leucemia, e da allora sono passati esattamente 250 giorni. Dopo giorni terribili, ecco la risalita, e quindi una parvenza di normalità sulla panchina del Bologna. Si arriva poi però a lunedì scorso, il 9 marzo, quando il governo italiano è costretto ad imporre lo stop a tutte le manifestazioni sportive fino al 3 aprile. Il tecnico serbo non può crederci. Il Bologna non può crederci. Adesso diventa ancora più dura.

L’estate del mister è stata difficilissima, ma la sua forza di volontà e l’amore per i suoi cari gli hanno concesso un barlume di speranza. Mihajlovic lo ha fatto suo, ed è uscito alla grande dall’incubo della malattia. Tuttavia, proprio quando le cose cominciavano ad andare meglio – sia sul campo che, soprattutto, fuori – ecco di nuovo un fulmine a ciel sereno. E’ il Coronavirus, che impone a tutti di fermarsi. Il Bologna dunque è costretto a tirare il fiato, godendo del suo 10^ posto in classifica. Il sogno europeo non è svanito, ma ora tutto ha un altro sapore: ci sono cose più importanti a cui pensare. E’ successo davvero di tutto ai rossoblu – e al suo allenatore – in questi 250 giorni, i quali rimarranno impressi per sempre nella memoria di tutti noi.

Fonte: “Carlino”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy