Tutto Bologna Web
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Carlino – Nel 2022 ci si attende il definitivo salto di qualità

GENOA, ITALY - NOVEMBER 7: Sinisa Mihajlovic head coach of Bologna looks on before the Serie A match between UC Sampdoria and Bologna Fc at Stadio Luigi Ferraris on November 7, 2021 in Genoa, Italy. (Photo by Getty Images)

Serve cominciare bene il nuovo anno per testare le reali ambizioni di questo Bologna, adesso che qualcosa sembra cambiato in termini di resa e qualità di gioco

Redazione TuttoBolognaWeb

Il nuovo anno dovrebbe essere uno spartiacque per capire le reali ambizioni del Bologna.

 

 

Dopo parecchi campionati indefiniti a livello di classifica, quest'inizio di campionato ha riacceso le speranze e gli entusiasmi dei rossoblù, grazie alla nuova veste tattica conferita da Mihajlovic, e all'innesto di un bomber vero e traghettatore come Marko Arnautovic. Giovedì si riparte con una tra le partite più difficili contro l'Inter capolista, dopo la batosta dell'andata che prefigurò la disfatta di Empoli, e quindi la rivoluzione tattica che ha permesso ai rossoblù di rinascere, insomma la chiusura di un cerchio utile a capire dove realmente potrà arrivare questo Bologna, se supererà la prefissata soglia dei 50 punti in un campionato aperto e non immune a sorprese. I ragazzi di Sinisa dovranno dimostrare di aver trovato quella continuità che è sempre mancata, anche perché dopo l'Inter ci saranno due mesi di campionato con partite più che abbordabili in cui sarebbe opportuno fare più punti possibile, ma per farlo serve il miglior Marko Arnautovic: quello più volte evocato da Mihajlovic, l'uomo in più, quello che segni e che possa vincere le partite da solo.