Il virus congela il futuro rossoblu

Il virus congela il futuro rossoblu

Il valore dei giocatori crolla e scoprire nuovi talenti diventa impossibile

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Sembrano già ricordi lontani le parole di Sabatini sul mercato, quando ancora parlare di calcio era lecito. Ora il futuro, anche sul piano tecnico è un grande punto interrogativo. Il virus ha congelato anche i piani futuri del Bologna. La crescita auspicata da Saputo ha subito un brusco arresto per motivi extra calcistici.

I principali dirigenti rossoblu, Bigon e Sabatini viaggiano verso il rinnovo, mentre Mihajlovic ha un contratto fino al 2023. La programmazione verso un nuovo status quo calcistico prova a continuare, ma la pandemia blocca anche il mercato calcistico. Gli scout del Bologna infatti non possono girare per l’Europa a trovare i nuovi Schouten, Tomiyasu o Skov Olsen. Anche il progetto stadio rischia di subire una grossa battuta d’arresto. Insomma il virus impone al Bologna un grosso passo indietro nei suoi piani di crescita.

fonte: Carlino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy