Bologna-Lazio: braccia tese e cori fascisti nel Settore Ospiti durante la lettura di Anna Frank

Episodi di stampo fascista nella Curva dedicata ad Arpad Weisz.

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Alcuni tifosi laziali ieri sera dopo aver varcato le porte del Settore Ospite nella Curva intitolata ad Arpad Weisz, ex allenatore del Bologna morto ad Auschwitz, hanno intonato cori fascisti e steso il braccio in segno del saluto romano.

Prima, dopo e durante la lettura di un estratto del Diario di Anna Frank alcuni tifosi ospiti hanno continuato a cantare cori del Ventennio come “Me ne frego” tra le tante braccia tese come da simbologia fascista. Episodi simili si sono verificati in diversi campi di Serie A proprio nella settimana in cui si è a lungo discusso del gesto sconsiderato e antisemita di alcuni ultras laziali.

Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy