Bologna – I tifosi chiedono le scuse di Sinisa

Dopo lo striscione apparso ieri sera, i firmatari chiariscono la propria posizione in un comunicato: “Non ce l’abbiamo con i giocatori”

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Mentre Sinisa Mihajlovic ieri era a Roma per festeggiare San Valentino con la moglie, qualche ora più tardi a Bologna è stato esposto uno striscione sulla cancellata della Curva Andrea Costa, con tanto di firme. Il contenuto è eloquente, rifacendosi a un video galeotto apparso sui social nella giornata di sabato, con protagonista il tecnico serbo.

Gli stessi gruppi della curva che hanno firmato lo striscione (“Noi vecchi e tatuati, ma del Bfc veramente innamorati, voi ingrati e supponenti, un pullman di pezzenti), hanno poi emesso un comunicato in cui chiariscono la propria posizione. “Non ce l’abbiamo con i giocatori – si legge – che probabilmente non si sono resi nemmeno conto di certe esternazioni. Su quel pullman qualcuno ha sbagliato, qualcuno che è stato trattato come un figlio in questa città. Nella vita possono sbagliare tutti, ma nessuno può chiudere gli occhi. Ci basta una parola, aspettiamo una risposta concreta in questo senso”. Il riferimento a Mihajlovic è chiaro, con i tifosi che pretendono le sue scuse dopo le battute riprese nel video in cui si sente il tecnico deridere qualche tifoso, arrivato per la fiaccolata prima di BolognaBenevento. Sinisa difficilmente parlerà prima di venerdì, vigilia della partita con il Sassuolo. In quell’occasione esternerà la sua opinione.

Fonte-Carlino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy