Bologna decimato: pochi gli assi nella manica di Mihajlovic

Bologna decimato: pochi gli assi nella manica di Mihajlovic

Visti gli infortuni, oggi il mister potrà contare sui soli Dominguez e Skov Olsen dalla panchina

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Ormai le partite nel calcio di oggi non si giocano più in 11 uomini, ma in 14. L’intensità ed il ritmo implicano l’utilizzo anche dei 3 giocatori partiti dalla panchina, oltre che di quelli titolari. Mihajlovic lo sa bene, ma oggi la situazione è decisamente complicata. Alle 18 arriva il Genoa al Dall’Ara, ma il Bologna è stato letteralmente decimato dagli infortuni. Pochi dubbi infatti nell’11 di partenza, con l’unico ballottaggio sulla trequarti che dovrebbe veder prevalere Svanberg.

Ecco quindi che il tecnico serbo potrà tenersi ben pochi assi nella manica: senza giocatori del calibro di Santander, Sansone e Soriano, sono quasi nulle le armi che il mister potrà usare a partita in corso per dare una sterzata. Tolti i due portieri e i giovani – tra cui Corbo, Stanzani e Juwara – Mihajlovic avrà a disposizione solamente Mbaye – difensore che verrà impiegato solo se dovessero esserci ulteriori problemi fisici – Dominguez e Skov Olsen. Il centrocampista argentino servirà per dare più qualità nello spezzone finale di gara, al posto dello svedese sulla trequarti o di Poli in mediana; l’esterno danese invece verrà impiegato al posto di uno tra Orsolini e Barrow, nella speranza di poter assistere ad una giocata delle sue. Molto però dipenderà ovviamente dall’andamento della gara.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy