Barbara Castellini: “Bologna-Udinese scontro salvezza. Danilo? Ha grande esperienza, ma come capitano…”

Barbara Castellini: “Bologna-Udinese scontro salvezza. Danilo? Ha grande esperienza, ma come capitano…”

La giornalista di Udine: “L’inizio dei rossoblù è stato balbettante ma credo che il valore tecnico della squadra sia interessante”

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

La giornalista friulana Barbara Castellini di Radio Capital ha parlato a Radio1909 riguardo alla prossima sfida tra Udinese e Bologna.

Si parte da un’analisi dei bianconeri: “La Lazio è la nostra bestia nera in casa. L’Udinese però ha fornito una buona prestazione, dimostrando di essere una squadra con orgoglio e che ha reagito rimanendo in partita fino all’ultimo. Un punto lo avrebbe meritato. Bologna? I bianconeri vedono la sfida come uno scontro diretto per la salvezza. Sarà importante valutare bene la tenuta fisica, credo che a parte la difesa vedremo molti cambi al Dall’Ara. Velazquez? Dopo una stagione complicata come quella dello scorso anno ci si aspettava una certezza in panchina. Invece è stata una scommessa per ora vincente, tutti i buoni risultati ottenuti in questo inizio di stagione sono attribuibili a lui. Obiettivo? Prima bisogna conquistare una salvezza tranquilla, visti anche i precedenti campionati, poi vedremo. Sono convinta che a breve anche Frosinone e Chievo verranno fuori. Stadio? Credo che l’impianto di proprietà al giorno d’oggi sia necessario”.

Si passa poi a una disamina sui felsinei: “Il Bologna è una squadra ancora in fase di rodaggio, c’è qualcosa che non gira come dovrebbe ma elementi giovani e validi ci sono. Anche se l’inizio è stato balbettante credo che il valore tecnico della squadra sia interessante. Danilo? E’ un giocatore di grande esperienza, che sa guidare bene la difesa e che qui da noi è stato di fondamentale importanza. A Udine, però, ormai aveva perso gli stimoli ed è stato il capitano meno capitano della storia recente dell’Udinese: non è riuscito sempre a fare sentire la sua voce e non si è preso le sue responsabilità quando invece avrebbe dovuto farlo. Non penso che sarà un giocatore che verrà ricordato piacevolmente dai tifosi friulani. De Paul? In estate la sua cessione era stata praticamente definita, il giocatore voleva accettare fortemente l’offerta della Fiorentina, ma alla fine la trattativa non è andata in porto. Io ho sempre creduto nelle sue qualità e quest’anno le sta tirando fuori, per merito anche del nuovo tecnico. Lasagna? In questo modo sta facendo fatica, il gol di domenica scorsa contro il Chievo lo ha rinvigorito ma non è ancora il Lasagna dello scorso anno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy