Sinisa e il nuovo corso del Bologna

Sinisa e il nuovo corso del Bologna

Il Resto del Carlino nell’edizione odierna si sofferma sull’allenatore del Bologna

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Il Bologna in vista della stagione 2019/2020 non deve ripartire da zero, ma anzi, esiste una solida base su cui costruire la squadra che verrà. Eppure non è stato così scontato, all’arrivo di Mihajlovic la situazione era disperata e lo spettro della Serie B era più che concreto, a stagione conclusa e salvezza ottenuta invece è subentrata la paura che il tecnico potesse accasarsi alla Roma. Sinisa ha fatto le sue richieste e il Bologna lo ha accontentato: riconfermati Soriano e Orsolini (su Sansone vigeva l’obbligo di riscatto in caso di salvezza). Il mercato dei rossoblù si sta muovendo su specifiche direttive, segno che il tecnico conosce la sua squadra, infatti sembrerebbe aver individuato un gruppo di imprescindibili e uno con le valigie in mano. Skorupski, Mbaye, Danilo, Dijks, Poli, Dzemaili, Orsolini, Soriano, Santander, Sansone e Palacio (a breve l’ufficialità del rinnovo) guidano la rifondazione.

Mentre c’è chi resta, c’è chi va, almeno nelle intenzioni: Donsah, Nagy, Krejci e Falcinelli sono in uscita, ma molto dipenderà dalle offerte che arriveranno. Ci sono poi situazioni più spinose, delle incognite: Pulgar ha una clausola rescissoria per nulla proibitiva (12 milioni) e sta ben figurando in Copa América, mentre Calabresi sembra essere stato rigenerato da questo Europeo Under 21 e certamente metterà in testa a Sinisa più di qualche dubbio, anche se il suo impiego in una difesa a 4 sembra complicato. E poi c’è Destro, forse la maggiore delle incognite, su di lui sarà fondamentale proprio il giudizio di Mihajlovic. Lo riporta Il Resto del Carlino.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy