Mercato da 6/7, Donadoni ha un Bologna più forte

Sessione di mercato positiva per il Bologna: Verdi e Donsah restano, Donadoni potrà contare su Dzemaili, Orsolini e Romagnoli

di Manuel Minguzzi, @manuel_minguzzi

Al 31 gennaio Roberto Donadoni si ritrova un Bologna più forte. Chi l’avrebbe mai detto?

Per bravura, fortuna, tutto quello che volete, ma il Bologna ha trattenuto Simone Verdi e Godfred Donsah, compresi tutti i titolarissimi della squadra, mentre in entrata ha piazzato due importanti colpi (Dzemaili e Orsolini) più il difensore Romagnoli che prende il posto di Maietta nelle rotazioni. Fuori un giocatore di 34 anni, dentro uno di 27. Ci può stare. Ringraziando Mimmo per tutto quello che ha dato, spesso su una gamba sola, un cuore da combattente autentico e genuino come ce ne sono pochi, il Bologna esce comunque rafforzato dal mercato. Preso lo svizzero che tanti avevano rimpianto dopo l’uscita verso gli Impact, preso il miglior talento giovanile dopo Chiesa, la proprietà che viene sempre accusata di immobilismo ha invece sfoderato un mercato di tutto rispetto, soprattutto se rapportata alle operazioni di una Serie A che ha prodotto la sessione meno vibrante di sempre. Insomma, se Saputo avesse fatto come Giuntoli cosa avrebbe detto l’opinione pubblica? Sondati e trattati almeno 4 esterni di attacco. Arrivati zero. E mentre i media si affannavano a trovare la trattativa che generasse ascolti, compresi gli ultimi venti minuti in cui veniva rilanciata l’ipotesi Politano-Napoli (muoversi prima? come è possibile scrivere i contratti all’ultimo?), il Bologna sotto traccia si muoveva rinforzando centrocampo e attacco in maniera convincente, arricchendo poi la difesa con l’innesto di Romagnoli, che qui partirà da riserva esattamente come Maietta. In sintesi, tocca a Donadoni.

Passando ai voti, credo che stavolta il Bologna meriti un 6/7. Fortuna probabilmente nel trattenere Verdi, anche se le società che lasciano carta bianca ai giocatori sono sempre molto apprezzate, bravura nel prendere Orsolini, pur con la recompra della Juve. Non è mica detto che tra due anni verrà a riprenderselo…Da che mondo è mondo, un club che non cede titolari e ne prende uno e mezzo (Orsolini sostituirà Verdi all’inizio, ma forse lo diventerà il prossimo anno) merita una sufficienza piena. Brava la società a non farsi prendere in giro su Donsah mantenendo comunque una base di prezzo importante, soprattutto quando il Toro ha iniziato a tirare la corda nel momento in cui la trattativa sembrava sbloccarsi. Sono comunque sintomi di una società forte. Da valutare la cessione di Okwonkwo al Brescia, se dimostrerà di poter essere un giocatore importante il Bologna potrà riprenderselo, e il futuro di Paz che con Romagnoli non troverà spazio. Resta allora un Bologna rafforzato senza se e senza ma e che da qui alla fine è autorizzato ad attaccare la parte sinistra della classifica. Già a partire da domenica. Una delle più brutte sessioni di mercato è terminata e sinceramente non vedevamo l’ora. Tra tante piste battute e poi sfumate, trattative lampo o telenovele vere e proprie, alla fine il Bologna è tra le società che ha agito meglio. La penso così.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy