Zamparini: “Iachini resta a prescindere dal risultato con il Bologna”

Zamparini: “Iachini resta a prescindere dal risultato con il Bologna”

Zamparini lo conosciamo molto bene, non è mai stato uno di quei proprietari capace di coccolarsi un tecnico per più di un’intera stagione. 53 allenatori esonerati nella sua lunga carriera nel mondo del calcio, con una media di 1,6 a stagione
Iachini potrebbe essere il 54esimo?
Dalle parole dello stesso patron sembrerebbe di no.
La pesante batosta rimediata contro la Roma per 3-0 davanti al pubblico del Barbera, collezionando così la quarta sconfitta di fila in campionato, poteva essere la scintilla nel grande pagliaio rosanero.
E invece il presidente della squadra siciliana ha sorpreso un po’ tutti confermando Iachini.
L’esonero per l’allenatore sembrava cosa ormai fatta, la squadra non gioca, è sì a 7 punti ma nelle ultime quattro giornate il tabellone dei punti segna zero, senza mostrare alcuna ripresa.

Zamparini ai microfoni de La Politica nel Pallone su Gr Parlamento ha così commentato la piena fiducia al tecnico.
“Ci siamo sentiti 15 minuti, verrà in ritiro a casa mia e parleremo tutti i giorni. E’ un periodo no e peggioreremmo le cose con un cambio di allenatore. Come l’anno scorso, dobbiamo ripartire: il Palermo non è una squadra scarsa, me l’ha detto anche Sabatini. Per Iachini non sarà decisiva la sfida con il Bologna, con il nostro tecnico ci salveremo e faremo un buon campionato“.
Parole quasi di affetto e fiducia ad oltranza per l’allenatore del Palermo, uno Zamparini che sembra esserla presa più con la sfortuna che con lo stesso mister: “Tutto ci va storto. Dopo il vantaggio della Roma, Vazquez ha sbagliato a porta spalancata. E il secondo gol nasce da un tiro sbagliato che si trasforma in un assist perfetto. Lo 0-2 dopo 12 minuti non ci stava, ma così è il calcio.”

Ovviamente però bisogna stare molto attenti quando si ascoltano le parole di Zamparini. La pista che porterebbe a Francesco Guidolin, l’unico assieme a Iachini ad aver completato un’intera stagione sulla panchina rosanero, sembra molto fondata.
Ora la squadra andrà in ritiro nella terra del patron, in Friuli-Venezia Giulia, partenza prevista per la fine di questa settimana; vedremo se questa convivenza andrà avanti e se come l’anno scorso, questo viaggio nelle terre del Nord Italia, porterà davvero un’inversione di tendenza per questo Palermo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy