Mancini in conferenza: “Icardi? C’è la possibilità che non giochi”

Mancini in conferenza: “Icardi? C’è la possibilità che non giochi”

Prima della partita contro il Bologna come di consueto ha parlato l’allenatore degli avversari. Roberto Mancini si è presentato ad Appiano Gentile per la conferenza stampa.

Ha iniziato spiegando che la partita con il Bologna non sarà semplice “ma se facciamo come nel secondo tempo di Palermo abbiamo buone possibilità”. Ovviamente ci sono poi quei giocatori diffidati che se ammoniti potrebbero saltare l’importante sfida di cartello contro la Roma: “I diffidati sono sempre a rischio per la partita successiva, prima o poi accadrà, se il destino vuole che succeda domani … va bene così”.

In questi giorni in casa Inter sta tenendo banco la preoccupante situazione di Mauro Icardi, giocare al centro del progetto nero-azzurro che in 633 minuti giocati ha totalizzato solo due reti e un assist.
“Non sono preoccupato, avrei preferito segnasse dall’inizio, magari se avesse fatto più goal avremmo anche qualche punto in più. Non sono preoccupato, davvero. Mi ricordo Crespo che, in un anno alla Lazio, aveva segnato quattro gol fino a gennaio. Poi ne fece ventuno”.
La possibilità che però possa riposare per questo turno infrasettimanale è concreta, infatti Mancini ha così commentato: “C’è la possibilità che non giochi, perché serve qualcuno fresco e giochiamo due partite in trasferta in tre giorni”.

I numeri dell’Inter in queste quattro giornate non solo mettono in luce dei problemi in zona offensiva ma anche la solidità della difesa sta venendo meno; nelle ultime quattro partite ben 6 i goal subiti e dalla prima posizione si è passati alla quarta (solo per differenza reti). “Abbiamo preso quattro gol con la Fiorentina, ma la solidità difensiva c’è. Abbiamo lasciato qualche spazio in più”.
Per la partita contro il Bologna, Mancini ha tre opzioni in difesa per sostituire lo squalificato Murillo: “Ranocchia, Medel e Jesus, devo scegliere tra questi tre. Il campionato dell’Inter è già iniziato, siamo vicini alla testa con qualche squadra, esserci è una cosa positiva”.

Infine ha voluto tornare indietro, e rivivere per un attimo la sua passata esperienza in maglia rossoblù: “Ho avuto dei momenti bellissimi, quando ero piccolo, tornare lì è speciale. Sono tifoso di questa squadra, è una gara speciale, sono nato lì calcisticamente. Spero che riesca a salvarsi molto in anticipo e che riesca a fare una buona stagione”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy