Fortitudo, altra sconfitta in volata: con Mantova finisce 64-67

Fortitudo, altra sconfitta in volata: con Mantova finisce 64-67

FORTITUDO: Quaglia 0, Radic 18, Candi 11, Zani NE, Iannilli 0, Campogrande NE, Sorrentino 0, Raucci 5, Carraretto 11, Flowers 11, Italiano 8. All: Boniciolli

MANTOVA:  Ndoja 14, Alviti 0, Fumagalli 4, Moraschini 8, Di Bella 13, Simms 3, Hurtt NE, Gandini 3, Amici 15, Masenelli NE, Gergati 7. All Martellossi.

 

Doveva essere la prima partita in casa, invece si è giocato al 105 Stadium di Rimini per via della squalifica del Paladozza. Davanti a circa 1500 persone, la Fortitudo è incappata nella seconda sconfitta in 4 giorni, ancora una volta in volata e ancora una volta con la possibilità concreta di vincere e di portare a casa i due punti, dopo essere stati avanti a pochi secondi dalla fine. Fossa

Priva di Matteo Montano che sarà disponibile solo tra 10 giorni, la F ha avuto ancora una volta la conferma che Leonardo Candi in questa categoria ci può stare senza problemi (11 punti e artefice della rimonta), ha visto una discreta ma discontinua prova di Radic (miglior marcatore della partita con 18 punti ma anche con 6/14 dal campo) e ha trovato qualcosa di buono da Carraretto nel finale.

E’ stata una partita fatta di strappi e rimonte, con Bologna che è sprofondata nel primo quarto (10-23 il parziale dopo 10 minuti), ma è risalita con una grandissima difesa nel secondo (solo 5 punti concessi a Mantova nel secondo periodo) e ha chiuso il primo tempo sotto di 2, sul 26-28.
Ad inizio secondo tempo, Mantova ha provato a solcare l’allungo decisivo e si è trovata ancora una volta con un vantaggio in doppia cifra, ma negli ultimi 10 minuti, Candi, Carraretto e Italiano hanno permesso ai biancoblù di accorciare, impattare e superare a 33 secondi dalla fine. Negli ultimi secondi è successo di tutto: Bologna, sfruttando l’inerzia della rimonta e la carica dei suoi tifosi, ha trovato il vantaggio con due tiri liberi di Radic (63-62), e sull’azione successiva Italiano ha rubato palla a metà campo e si è involato verso il canestro, cercando due punti che avrebbero pututo chiudere la partita. E invece… Invece ha subito fallo dalla difesa, è andato in lunetta e ha fatto solo 1/2 per il 64-62 biancoblù. A 15” dalla fine, Mantova ha avuto l’opportunità per un nuovo attacco, la palla è finita nelle mani dell’ex Virtus Di Bella, che ha subito il fallo di Candi su un tiro da tre punti. Tutti e 3 i liberi a segno, vantaggio mantovano e Fortitudo che negli ultimi 7 secondi non è riuscita a trovare una buona conclusione. L’ultimo canestro di Ndoja ha chiuso la partita sul 64-67.

Ad un passo dalla vittoria, i biancoblù sono incappati dunque nella seconda sconfitta consecutiva. Si tornerà in campo già sabato, contro la temutissima Verona, a detta di tutti la miglior squadra della categoria. L’appuntamento è per le ore 19.15, sempre al 105 Stadium di Rimini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy