Lopez carica: “Dare il 100% per battere lo Spezia”

Lopez carica: “Dare il 100% per battere lo Spezia”

E’ consapevole dell’importanza del match di domani il mister uruguaiano Diego Lopez, il mantra alla vigilia di ogni partita è più o meno sempre quello: concentrazione e determinazione. Assume dunque un connotato fondamentale la sfida allo Spezia, tre punti sembrano d’obbligo anche per il tecnico: “Domani serve il 100% – ha ammesso Lopez in conferenza – sono partite importanti in cui è necessario fare bene in entrambe le fasi di gioco, e poi possono decidersi anche con un episodio, una punizione o un calcio d’angolo. Mancano poche partite alla fine, domani non è decisiva ma fondamentale perché lo Spezia è una squadra forte e in zona playoff. Faremo la nostra partita”. Tanti dubbi di formazione, Cacia si è allenato a singhiozzo così come Casarini, ma tutti e due saranno convocati domani: “I ragazzi stanno bene, Cacia e Casarini si allenano con noi da due giorni ma al di là di tutto abbiamo una rosa con giocatori in grado di fare bene e sostituire chi non c’è. Abbiamo attaccanti in grado di fare gol”. Ecco, capitolo attacco, Mancosu non ha brillato sabato scorso ma Lopez la vede in maniera diversa: “Secondo me Matteo ha fatto una buona gara – ha affermato il mister – non ha i novanta minuti nella gambe ma è stato servito poco e male”. Intanto la stampa parla di ritorno alla difesa a quattro ma Lopez non si sbilancia: “Ci può stare il cambio di modulo, personalmente ho deciso ma lo scoprirete domani”. L’aspetto sicuro invece è il cambio di atteggiamento che la squadra dovrà mettere in mostra rispetto all’ultima partita: “A Brescia siamo andati in difficoltà per errori nostri, l’atteggiamento non è stato positivo ad inizio dei due tempi e sono stati commessi errori su situazioni che avevamo studiato e ci aspettavamo. Tra il 20′ e il 30′ abbiamo fatto male mentre a fine primo tempo meglio. Poi c’è stata l’espulsione ma lì abbiamo reagito portando a casa il punto. Su questo è chiaro come quello del secondo giallo fosse un fallo da non fare, ecco perché dico che serve determinazione e concentrazione”. 

 

Chi può aiutare lo spogliatoio e a restare più sereno nonostante un finale con tanta pressione e aspettative sono i senatori e i giocatori di esperienza: “E’ fondamentale avere giocatori esperti all’interno dello spogliatoio, così come è fondamentale avere ragazzi che ascoltano. I giocatori con più esperienza ci daranno un apporto determinante”. C’è poi il capitolo Dall’Ara, stadio per diverso tempo avverso nei risultati nonostante un tifo encomiabile: “E’ stato importante vincere con il Livorno per rompere il digiuno, ora vogliamo continuare per dare una soddisfazione ai tifosi che ci hanno sempre sostenuto. Il sostegno della curva è fondamentale e proprio per questo dobbiamo dare tutti di più”. Gli viene poi chiesto, in caso di calcio rigore, chi sarebbe designato a tirarlo. Anche qui Lopez delega ai giocatori: “Tanti lo possono tirare, c’è Daniele, c’è Matteo, c’è Gianluca, lascio libera scelta a chi se la sente. Poi se se la sente Maietta – dice scherzando – è un problema”. Si chiude poi sull’aspetto dirigenziale, una compagine che sembra molto unita nonostante le difficoltà. Lopez ha parlato dei rapporti con i dirigenti e col presidente: “Ho chiaramente rapporti più stretti con Corvino e Di Vaio che ci seguono costantemente, mi ha fatto piacere la presenza del presidente in settimana perché la sua voce è sempre importante e ci ha spronato dandoci fiducia e grinta”. Infine, è chiara la strategia di Lopez: si guarda in casa e non alle altre: “Il destino è nelle nostre mani, la vittoria è lì, così come la Serie A, dobbiamo andarla a prendere pensando partita dopo partita una per volta”. Del Vicenza non vuol sentire discorsi: “Chi gioca stasera?”, ha affermato Lopez tra il serio e il faceto…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy