Lazio-Bologna, le probabili formazioni

Lazio-Bologna, le probabili formazioni

Si riparte da dove si era lasciato. Il teatro della primo atto della nuova avventura del Bologna in Serie A sarà quello stesso stadio Olimpico che ospitò l’ultima (tragica) rappresentazione dei rossoblù prima della retrocessione di due stagioni fa. Anche l’avversario sarà lo stesso: la Lazio, che da quell’1-0 firmato Biglia tanto è cambiata, sia negli interpreti che nel regista: quello Stefano Pioli che tanto bene ha fatto proprio a Bologna, prima di essere costretto  lasciare una squadra ancora (sulla carta) salva e prima di buttarsi in un’avventura – quella biancoceleste – con cui sta regalando a sè stesso e alla Lazio grandi soddisfazioni.

Una finale di Coppa Italia e un terzo posto meritatissimo, per la precisione, che sono valsi alla squadra del Presidente Lotito la possibilità di giocarsi i preliminari di Champions League. Preliminari che la Lazio sta giocando proprio a cavallo della sfida contro il Bologna, fattore che potrebbe condizionare l’approccio alla gara degli uomini di Pioli e le scelte dell’allenatore parmigiano. Nella conferenza stampa di ieri, Pioli sembra aver escluso qualsiasi possibilità di un turnover: «Più che di riposare, in vista della partita di Leverkusen abbiamo bisogno di mettere minuti sulle gambe», ha detto nella conferenza stampa prepartita il tecnico biancoceleste, che quindi, al netto delle assenze degli infortunati Marchetti, Djordjevic e Klose, dovrebbe schierare una formazione molto vicina a quella migliore. In difesa, De Vrij è completamente recuperato e partirà dall’inizio, con il probabile impiego di Gentiletti al suo fianco e di Basta e Radu sulle corsie esterne. Sulla linea mediana, uno tra Biglia, Parolo e Lulic potrebbe anche riposare e lasciare spazio a Cataldi o al nuovo acquisto Milinkovic-Savic, mentre in l’attacco Keita vertice alto è una scelta obbligata; Candreva e Felipe Anderson partono favoriti sugli esterni, ma Pioli potrebbe dare un’opportunità anche al giovane olandese Kishna.

Qualche dubbio ce l’ha anche Delio Rossi, che con i tanti arrivi dell’ultima settimana ha alternative valide quasi in tutti i reparti e che dal precampionato svolto dai rossoblù ha raccolto poche informazioni utili. Nel 4-3-1-2 di dell’allenatore (ex dell’incontro) dovrebbero essere certi dell’impiego Mirante tra i pali, Ferrari, Oikonomou e Rossettini in difesa, Crisetig e Brighi in mezzo al campo e il nuovo numero 10 Destro in attacco. Sull’out di sinistra, ballottaggio Morleo-Masina, con il primo che potrebbe essere preferito al secondo per caratteristiche (la velocità di Morleo potrebbe venir comoda contro un avversario come Candreva) e per le non perfette condizioni fisiche di Masina (che a inizio settimana ha svolto lavoro differenziato). Nel ruolo di mezzala destra, vista anche l’assenza di Rizzo, verrà impiegato uno tra Crimi (in vantaggio) e Pulgar mentre, sulla trequarti e nel ruolo di spalla di Destro, Brienza e Acquafresca partono in vantaggio su Falco e Mancosu.

L’arbitro della partita sarà Gianluca Rocchi della sezione di Firenze.

Lazio (4-3-3): Berisha; Basta, De Vrij, Gentiletti, Radu; Parolo, Cataldi, Lucic; Candreva, Keita, Kishna. All.: Stefano Pioli.

Bologna (4-3-1-2): Mirante; Ferrari, Oikonomou, Rossettini, Morleo; Crimi, Crisetig, Brighi; Brienza; Destro, Acquafresca. All.: Delio Rossi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy