Corvino: “In casa abbiamo il problema del gol, dobbiamo capire come risolverlo”

Corvino: “In casa abbiamo il problema del gol, dobbiamo capire come risolverlo”

Subito dopo la conferenza di mister Lopez, arriva in sala stampa anche Pantaleo Corvino, per provare a dare un po’ di serenità all’ambiente: “Sono venuto nei momenti importanti, meno dolorosi di stasera, e mi sembrava il caso dopo una sconfitta dolorosa, soprattutto se non c’è prestazione e si è sofferto”. L’analisi post gara è tutta concentrata sulle difficoltà casalinghe del Bologna, che nelle ultime tre gare al Dall’Ara contro Pescara, Ternana e appunto Vicenza ha raccolto due punti e segnato zero gol: “Sono tre partite in cui abbiamo sofferto, nelle altre son venuti due pareggi mentre stasera una sconfitta, che va analizzata per pensare a come ripartire. Le scelte del mister? Figlie di tante considerazioni, ci sono due partite in pochi giorni e magari il mister ne avrà tenuto conto. Dispiace per i tifosi, per la proprietà, questa vittoria ci avrebbe proiettati in una posizione di classifica straordinaria, ma non è venuta e ora dobbiamo ripartire”. Situazione di classifica che adesso si complica, con il Vicenza e altre 3-4 squadre che adesso incalzano. Il tutto considerando un gioco che fatica a convincere: “La mia preoccupazione? Le avversarie non mi preoccupano – dichiara il direttore -, il fatto che siamo sempre rimasti al secondo posto dimostra che anche noi veniamo da una serie di risultati importanti. Quello che ci deve far riflettere è questa lacuna in casa nel creare occasioni da gol, perché se queste tre partite in casa le avessimo affrontate da squadra che deve raggiungere traguardi importanti oggi saremmo qui a fare altre analisi. Succede, ora però va trovata la cura”. Al di là dei rimedi però, probabilmente dopo il sontuoso mercato di gennaio ci si aspettava tutto un altro Bologna: “Il Bologna che abbiamo in mente tutti è un Bologna che deve lasciare poco, in trasferta lo abbiamo fatto seppur soffrendo ma penso sia normale, mentre in casa ci sono state tre partite figlie di una sterilità che va analizzata. Gli attaccanti ci sono, bisogna capire per quale  motivo in tre gare non si è fatto gol, e questo è compito del mister”. Mister che forse comincia a perdere un pochino di fiducia, anche se Corvino se la cava con diplomazia: “Venivamo da otto risultati positivi, e nessun dirigente al mondo farebbe un’analisi mettendo in discussione il mister solo in base ai prossimi risultati”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy