Zavanella: “Presto il progetto alla Soprintendenza. Tempistiche? 3-4 anni”

Zavanella: “Presto il progetto alla Soprintendenza. Tempistiche? 3-4 anni”

Le parole di Zavanella

E’ uno degli argomenti del momento, il restyling dello stadio Dall’Ara. A tal proposito, sull’edizione odierna del Resto del Carlino è stata pubblicata una intervista all’architetto Zavanella, colui che segue il progetto che poi il club rossoblù presenterà alla Soprintendenza.

“Sono pronto, devo solo consegnare il lavoro a Fenucci e in settimana ci confronteremo con il Comune – ha affermato Zavanella – una volta presentati alla Soprintendenza il progetto preliminare e le relazioni di accompagnamento, attenderemo una risposta”. Si entra poi nel dettagli del progetto: “Vogliamo restituire alla città un impianto che faccia riaffiorare la facciata originaria, creando però una struttura coperta e dotata degli standard di sicurezza e confort”. Per quanto riguarda la Torre di Maratona, Zavanella ammette: “Abbiamo realizzato una serie di fotomontaggi per riprodurre la visuale che avrebbe il nuovo Dall’Ara. Il colpo d’occhio è a tutto vantaggio del nostro progetto”.

Alla domanda su come si fa a montare una copertura senza nascondere la Maratona, Zavanalla risponde: “Ci sono due-tre soluzioni in ballo, una prevede la copertura trasparente in prossimità della Torre, l’altra l’impiego di un tetto mobile”. Un altro grande tema di dibattito tra i tifosi è la capienza. Si parla di 25mila posti, considerati pochi da tanti tifosi: “Domenica con il Chievo c’erano meno di diciannovemila, credo che la priorità sia avere lo stadio sempre pieno anche quando l’avversario si chiama Canicattì. Meglio lasciar fuori mille tifosi nelle partite di cartello che agre 5 mila posti vuoti nelle gare meno appetibili. Giocare sempre con lo stadio pieno penso porti 3-4 punti in più”. Ad ogni modo, per Zavanella la capienza non è un problema: “La decisione non è ancora stata presa, la scelta finale spetta al Bologna e la priorità al momento è quella di ottenere il via libera della Soprintendenza. Ampliare la capienza non sarebbe un problema, per passare da 24mila a 26mila basta aggiungere una fila di seggiolini in tutti i settori”. Chiusura sulle tempistiche, Zavanella è chiaro: “Serviranno 3-4 anni, la forbice dipende dal fatto che se i club decidesse di giocare al Dall’Ara durante i cantieri i tempi si allungherebbero”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy