Zara: “Mercato? Non aspettiamoci il grande colpo”

Zara: “Mercato? Non aspettiamoci il grande colpo”

Le parole di Furio Zara a Radio Bologna Uno.

A ‘Quasi Gol’ è intervenuto il giornalista bolognese Furio Zara che ha commentato l’arrivo in rossoblu del nuovo Ds Riccardo Bigon: “Al ritorno dal Canada verrà ufficializzato il suo approdo a Bologna: c’è fretta per cominciare subito il mercato. La scelta di Bigon è dettata dall’urgenza, non si poteva più aspettare Sabatini. Lo staff di Bigon è di ottimo livello: Mantovani e Micheli sono osservatori molto validi capaci di portare Hamsik a Brescia quando aveva solo 16 anni mentre Zunino è l’altro elemento del team e si occupa di scouting nel Sud America. L’arrivo di Bigon comporta una gerarchia societaria del Bologna ben definita con Saputo che comanda da lontano e il trio Fenucci-Di Vaio-Donadoni a fianco del nuovo Ds”.

Zara ha poi parlato del mercato in entrata che con l’arrivo di Bigon potrà finalmente essere impostato: “Donadoni ha già una lista di 4/5 giocatori. Non si può da un giorno all’altro puntare all’Europa League, si può solo sperare di migliorare il quattordicesimo posto, anche perchè non ci sarà un budget da fuochi d’artificio, ma giusto un investimento modesto per migliorare la squadra in ogni reparto. Poi con il sacrificio di Diawara si potrà investire ancora per stabilizzarsi tra l’ottavo e il decimo posto nelle prossime stagioni. Biabiany è un nome in lista, anche Palladino che verrebbe molto volentieri e con cui sono già stati avviati i contatti: non ci aspettiamo grandi colpi. Destro è stato l’unico grande acquisto della scorsa estate, ma veniva per rilanciarsi e aveva passato un periodo buio prima a Roma poi a Milano. Credo che quest’anno arriveranno giocatori per completare la squadra ma non aspettiamoci un grande nome”.

Corvino ieri ha lasciato Bologna e sembra a un passo dalla Fiorentina dove potrebbe portare con sè anche Giaccherini: “La Fiorentina è interessata a lui e il feeling tra Valcareggi e Corvino avvicina ulteriormente il giocatore al club viola. Bisogna capire se Giaccherini a 31 anni ha ancora molto da dare dal punto di vista fisico, questo devono determinarlo l’allenatore e lo staff tecnico. Se garantiscono che il giocatore possa dare ancora un contributo importante allora deve essere confermato. Quest’anno è sempre stato decisivo, ma se il Sunderland nicchia e chiede troppi soldi allora il Bologna fa bene a puntare su altri obiettivi”.

Zara ha poi tirato le somme sull’operato di Corvino nelle sue due stagioni in rossoblu: “Ha preso uno come Diawara però ha fatto anche qualche errore come Pulgar, Crisetig e Mancosu. Credo che il suo errore di base sia stato affidare tutto il peso dell’attacco al solo Destro: servivano altri attaccanti ed è proprio in quella direzione che il Bologna ora si sta muovendo”.

Il reparto più debole del Bologna è l’attacco: manca un goleador in grado di affiancare Destro o faro rifiatare. L’uomo designato per quel ruolo era Sergio Floccari, ma in questi sei mesi non è riuscito ad affermarsi: “Floccari è un giocatore di complemento, Donadoni lo ha chiesto ma era un seconda scelta. Gli altri obiettivi non sono stati presi perchè la società non voleva spendere nel mercato di gennaio. Floccari è un dodicesimo uomo, decisivo a gara in corso, ma non ha mai segnato tanti gol: impensabile fare di lui il vice Destro. È un professionista molto serio che può tornare utile, ma gli attaccanti che servono sono altri”.

Un attaccante accostato al Bologna nelle ultime settimane è Alessandro Matri, ora alla Lazio. Ecco le impressioni di Zara sull’ex centravanti della Juve: “Matri è un giocatore che ha già dato il meglio, punterei su altri obiettivi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy