Zara: “Manca un leader in campo, troppi errori di ingenuità”

Zara: “Manca un leader in campo, troppi errori di ingenuità”

Ai microfoni di “Quasi Goal” è intervenuto Furio Zara che ha risposto alle domande dei tifosi, commentando anche l’ultimo posto in classifica, l’allenatore e la sfida di Torino.

“Fino a questo momento il Bologna è poca cosa – ha esordito il giornalista del Corriere dello Sport –  temo che stia succedendo qualcosa di simile all’ultimo anno in A, come quel 2-1 contro il Sassuolo che non fece saltare Pioli e andammo andati avanti con lui fino ad oltranza e poi a Gennaio è successo quello che è successo con l’arrivo di Ballardini. Questa fiducia continua a Rossi è dovuta agli alibi troppo forti, la squadra costruita in fretta e i giocatori non in condizione in primis. Manca comunque un leader in campo e ci sono troppi ragazzi che sicuramente diventeranno grandi ma ora come ora fanno sempre l’errore di ingenuità che cambia la partita. Mi sembra strano che Morleo e Crisetig non giochino, ci vuole esperienza”.

Per quanto riguarda la partita di Torino ha così commentato: “Un rigore così allo Juventus Stadium te lo fischiano sempre, è un errore di ingenuità. Il Bologna dura troppo poco, inizia bene, gioca bene nei primi tempi, poi alla prima difficoltà si squaglia, come ho già detto manca il leader e l’esperienza in campo. E questa è una grande pecca del mercato. Gastaldello torna da un infortunio lungo 5 mesi, ha giocato male perché entrare in un meccanismo così fragile è difficile.
È stato emblematico l’azione del secondo tempo, Cuadrardo supera in velocità Gastaldello, uno era in Freccia Rossa e l’altro in scooter, dopo si è toccato la gamba e ha chiesto il cambio, spero non sia stato un errore come con Giaccherini.”

Ha concluso dicendo la sua sul tecnico Delio Rossi: “La società si è esposta in maniera molto chiara, Fenucci ha già confermato la permanenza dell’allenatore. Comunque l’ultima spiaggia è la partita con il Palermo.
Rossi a mio avvio ha aggiunto ben poco ma il vero problema qui è stato il mercato davvero troppo tardivo, il 9 Giugno è arrivata la promozione e si poteva già lavorare dal 10, i giocatori sono però arrivati a fine agosto, qualcosa è andato storto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy