Volata finale: al Dall’Ara si può chiudere il discorso salvezza

Volata finale: al Dall’Ara si può chiudere il discorso salvezza

Il Bologna nelle prossime sette gare dovrà ritrovare se stesso per chiudere definitivamente la pratica salvezza.

La crisi del Bologna riporta i rossoblu coi piedi per terra e costringe la squadra ad affrontare la fase finale del campionato con la massima attenzione, la salvezza per fortuna resta ad un passo, ma finchè non c’è la certezza matematica è necessario restare sul pezzo e non rilassarsi.

Gli otto punti sul Palermo terzultimo sono un distacco confortante, considerato anche il ritmo non esaltante a cui sta viaggiando la squadra rosanero, tuttavia se il Bologna continua a offrire prestazioni negative come nelle ultime occasioni la strada potrebbe complicarsi. Anche il calendario non sorride ai rossoblu, lunedì prossimo infatti ci sarà la difficile trasferta all’Olimpico contro la Roma di Spalletti, apparsa una delle squadre più in forma del campionato. I punti salvezza probabilmente non saranno raccolti nella capitale, i match-ball per chiudere la questione saranno le partite interne contro Torino, in cui dovrebbe rientrare Destro, e Genoa, rispettivamente il 16 aprile e il 24: quattro punti, o al meglio sei, in queste due gare significherebbero salvezza. In mezzo a questi due impegni c’è la trasferta proibitiva al San Paolo contro un Napoli che sarà probabilmente privo del suo bomber Gonzalo Higuain. Poi il mese di maggio inizierà con la trasferta a Empoli, mentre la settimana dopo, sabato 7 maggio, andrà in scena al Dall’Ara la sfida tra Bologna e Milan. Infine la stagione si chiuderà il 15 maggio al Bentegodi contro un Chievo già salvo. Per raggiungere la salvezza sarà sufficiente guadagnare sei punti nelle gare interne con Toro e Genoa, se le cose non dovessero andare nel modo giusto restano comunque a disposizione altre gare abbordabili contro Empoli e Chievo, squadre che non hanno più nulla da chiedere a questo campionato.

I ragionamenti sul calendario restano però semplici illusioni se la squadra non torna a correre e a macinare buone prestazioni come fatto fino a poche settimane fa. Sta a Donadoni riattaccare la spina e trasmettere ai suoi giocatori quella determinazione e quella sicurezza che sembrano aver smarrito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy