Viviani: già Luis Enrique stravedeva per lui

Viviani: già Luis Enrique stravedeva per lui

Il tecnico del Barcellona ai tempi della Roma credeva molto nel talento dell’allora Primavera giallorossa

Simone Monari questa mattina su Repubblica traccia il profilo di Federico Viviani che da giocatore infortunato sofferente di pubalgia, è diventato il regista di questo Bologna, grazie alle sue doti di velocità di gioco e ampia visione.

Arrivato in extremis nelle ultime ore di mercato con la formula del prestito con diritto di riscatto a 4,5 milioni, l’ex Latina , una volta smaltiti i problemi fisici, ha messo in luce tutta la sua personalità e qualità , rilegando alla panchina il più fisico Pulgar.

Luis Enrique, ai tempi della Roma, ribadiva ai cronisti il suo apprezzamento per il “Bibiani della Primavera” (con evidente errore di pronuncia), tanto da farlo esordire in Europa contro il Bratislava appena 19enne. La trasformazione di Federico però avvenne grazie a Stramaccioni che negli Allievi giallo-rossi da attaccante esterno lo portò a centrocampo; in Primavera così eccolo al centro di un trio che vedeva Viviani regista con Florenzi e Bertolacci mezze ali.

Le sue punizioni sono un’arma in più per il Bologna, con Mandorlini che, parole sue, ne ha visti pochi batterle così bene. Ora si spera che aiuti il Bologna a vincere allo Stadium, dopo che l’anno scorso con il suo Hellas riuscì a battere i bianconeri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy