Vitali: “Città troppo ambiziosa, a bada le aspettative dei tifosi”

Vitali: “Città troppo ambiziosa, a bada le aspettative dei tifosi”

Il commento di Massimo Vitali

Ormai è quasi storia la ribalta di questo campionato ancora in corso. Ad inizio campionato il club rossoblu si trovavano nella zona rossa della classifica, lì in basso e per la città si poteva percepire il disprezzo e la delusione per una squadra che in mezzo al campo non dava niente.

Invece, dal cambio in panchina in poi, il Bologna è cambiato. Ha voltato pagina e partita dopo partita ha dimostrato le proprie qualità e la voglia di vincere. Tutto ciò è accaduto molto velocemente e la squadra è persino riuscita a gestire le partite contro le “big” del campionato, racimolando punti dopo punti sino ad arrivare nell’attuale nona posizione. Eppure ora, dopo due pareggi consecutivi (non contando quello contro la Juventus che ha il sapore di vittoria) c’è chi ha dell’amaro in bocca.

Massimo Vitali dice la sua durante la trasmissione “Quasi Goal”: “Siccome ricordo bene dov’era il Bologna 3/4 mesi fa non mi disturbano questi pareggi consecutivi, mi fa piacere che questa città sia così ambiziosa da ritenere questi pareggi “un arresto”, ma per me non è così grave. Non dimentico le parole di Saputo, ovvero tenere a bada le aspettative dei tifosi perché una società che è già salva ha delle aspettative diverse da quelle che pensano i tifosi, se la società avesse avuto ambizioni maggiori a Gennaio avrebbe fatto un mercato molto diverso, per l’anno prossimo si avranno degli obiettivi più elevati. ”

Il prossimo incontro sarà contro l’Inter, è lì che ci sarà dell’amaro in bocca, non perché il Bologna non può vincerla (anzi, ha tutte le carte in regola per farlo) ma perché quasi sicuramente la trasferta sarà vietata ai tifosi rossoblu per la presunta bombacarta contro il pullman della Juve. Sempre Vitali commenta tale situazione durante la trasmissione radiofonica di RadioBolognaUno: “Chi ha preso dei biglietti per il match contro l’Inter verrà sicuramente rimborsato oltre che, quando verrà ufficializzato, si saprà anche il vero motivo per cui è stata vietata questa trasferta. Soprattutto, perché l’Inter che non c’entra niente? Se avessero dovuto fare qualcosa era più logico farlo nella trasferta di Palermo. Quello che è successo contro la Juve è stata solo un esagerazione della Gazzetta. Io ero in zona, per il rumore sentito non mi sembrava una bomba carta però non lo so, comunque pure se si trattasse di un petardo il gesto è senza dubbio da condannare, ma così ci van di mezzo i tanti tifosi che volevano seguire la propria squadra a San Siro. E comunque se fosse veramente successo in sala stampa se ne sarebbe parlato, invece niente, e poi c’è così tanto clamore solo perché il pullman era della Juventus, se fosse stato del Frosinone non se ne sarebbe proprio parlato.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy