Vighini: “Sabatini a Bologna potrebbe portare Iturbe”

Vighini: “Sabatini a Bologna potrebbe portare Iturbe”

Le parole del collega di Verona sulla stagione dei gialloblù e su un possibile colpo di mercato del Bologna

Intervenuto a Passione Rossoblù su Radio Nettuno, Gianluca Vighini della redazione di Telenuovo ha risposto alle domande di Leo Vicari e degli ascoltatori.

Si parte dalle cause della stagione disastrosa del Verona: “Quando fai una serie di errori incredibili paghi. Il calcio è spietato – ha affermato Vighini – Secondo me il peccato originale è aver voluto mettere le mani a un giocattolo che funzionava alla perfezione. C’era una triade Gardini-Setti-Sogliano, è stato toccato questo equilibrio creando una stagione sciagurata. Ci sono figure che calzano a pennello in alcune piazze e altre che non riescono ad inserirsi. Bigon è abituato a lavorare dietro le quinte e in sordina, non riesce mai ad incidere negli spogliatoi. Non perdono la presunzione, ti porta continuamente ad alzare il tiro. Bigon era sicuro che la squadra si sarebbe salvata”.

Ancora Vighini: “In società qualcuno ha agito affinché Sogliano se ne andasse, pariamo di Gardini che poi è andato all’Inter. Questo ha alterato tutti gli equilibri, ci sono responsabilità di Setti che aveva un legame forte con Sogliano. L’asse si è spostato troppo su Mandorlini che non è un sergente di ferro, la decisione di mandarlo via è arrivata tardi e sulla scelta del sostituto ci sono stati degli errori. Si era parlato di Donadoni e Guidolin al posto di Mandorlini, ma si è perso tempo. Un altro errore è stato mandare via il vice di Mandorlini Bordin dopo 14 anni assieme per far spazio a Bortoluzzi che avrebbe preparato la strada per l’arrivo di Guidolin”.

Sul Bologna, Vighini parla del futuro possibile Ds: Walter Sabatini. “Mi dicono che Sabatini è già d’accordo col Bologna, se dovesse essere vero è anche probabile che porti qui un certo Iturbe, adattissimo al gioco di Donadoni”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy