Verdi si racconta: “Bologna società ideale per me: cresceremo insieme”

Verdi si racconta: “Bologna società ideale per me: cresceremo insieme”

Le parole dell’ala rossoblu a Stadio.

Simone Verdi è stato intervistato dal quotidiano bolognese Stadio. L’esterno rossoblu ha fatto un tuffo nel passato ripercorrendo le tappe della sua carriera: “Il mio idolo era Ronaldo, il Fenomeno, in una famiglia di milanisti per un po sono stato interista. Poi mi sono buttato dalla parte rossonera, quando facevo il raccattapalle con De Sciglio a San Siro adoravo Sheva. Il provino a Milanello l’ho fatto a 10 anni, giocavo centravanti. Poi non crescevo più e mi hanno cambiato ruolo. A diciassette anni capii di avere talento, quando un dirigente del Milan mi disse di unirmi alla prima squadra per il trofeo Tim, dopo che ero stato premiato come miglior giocatore in un torneo con la Primavera. Lì ho pensato che questo sarebbe diventato il mio mestiere”.

Poi i tanti prestiti: “Un giocatore queste cose le soffre. Vai in campo, dai tutto per la squadra in cui giochi, ma il pensiero è sempre lo stesso: mi richiameranno? Il passaggio definitivo al Bologna per me è stato una liberazione. Credo che fosse arrivato il momento giusto per staccarmi dal Milan. Questa è la società ideale: cresceremo insieme“.

Infine parla di Sarri, suo ex allenatore e prossimo avversario domani sera a Napoli: “È stato fondamentale per la mia carriera. Il primo giorno mi ha detto di giocare trequartista e io l’ho ascoltato, sono stati due anni fantastici. Professionalmente è un grande allenatore, sembra burbero ma non lo è, lo rivedo sempre con piacere. L’anno scorso quando col Carpi siamo andati a Napoli mi aveva salutato all’ingresso poi a fine partita è entrato nel nostro spogliatoio, è venuto a cercarmi. Mi ha abbracciato e mi ha sussurrato ‘Simone non mollare mai, hai il talento per arrivare’. Non è facile trovare persone così. Sarebbe bellissimo segnare domani sera e fargli lo scherzetto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy