Taider: “Tra due anni in Europa. Che bravo Gotti!”

Taider: “Tra due anni in Europa. Che bravo Gotti!”

Le parole di Saphir Taider al Resto del Carlino. Parole al miele per Donadoni e il suo vice Gotti, per il futuro l’algerino si vede in Europa con la maglia del Bologna

Intervista al Resto del Carlino per il centrocampista algerino del Bologna Saphir Taider. Il mediano ha parlato della stagione rossoblù, iniziata male e svoltata con Donadoni, e del futuro. Con un occhio all’Europa.

“L’impatto non è stato facile – ha ammesso Taider- quando la squadra non gira anche i singoli fanno fatica. All’Inter poi mi ero allenato poco perché non ero più nei loro piani, ci ho messo un po’ per trovare la forma”. Poi è arrivato Donadoni: “Quando un gruppo cambia così radicalmente significa che l’allenatore ha fatto un grande lavoro. Poi conta anche lo staff, Gotti, il vice, è bravissimo. Io ho avuto Pioli, Mazzarri e Di Francesco ,a uno preparato come Gotti mai”.

Gli viene posta una domanda sull’esclusione a Torino, nemmeno tra i convocati: “L’allenatore fa le sue scelte, dopo ne abbiamo parlato assieme. La verità è che da quel momento fisicamente ho trovato la forma”. Uno sguardo al futuro, del Bologna e di Donadoni: “Quando un allenatore è bravo diventa normale che si accorgano di lui. Spero per la nostra crescita che Donadoni rimanga, è fondamentale per noi e questo gruppo può solo crescere. Tra due o tre anni mi vedo con questa maglia in Europa, sarebbe bello per i nostri tifosi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy