Tabacchi all’esordio, e tra poco farà 18 anni

Tabacchi all’esordio, e tra poco farà 18 anni

Tabacchi si guadagna la fiducia la Donadoni giocando gli ultimi dieci minuti di campionato, e ha solo 17 anni…

E’ stata forse la nota più lieta del match di ieri sera al Bentegodi, oltre al ritrovato Krafth. Aaron Tabacchi ha esordito in Serie A all’età di 17 anni, giocando gli ultimi dieci minuti della sfida contro il Chievo Verona. E’ considerato uno dei maggiori prospetti della Primavera di Colucci, un giocatore che ha colpito Donadoni tanto da convocarlo più volte in prima squadra fino all’esordio di ieri. Tabacchi è stato preferito a quelle che fino a poco tempo fa erano considerate le stelline della Primavera come Calabrese e Souare, un segno dell’enorme fiducia che Donadoni ripone in lui.

Chissà allora che per Tabacchi non possa esserci un futuro in prima squadra anche il prossimo anno, se non in maniera stabile quantomeno per accumulare quell’esperienza tra i grandi necessaria al suo processo di crescita. Perché se è vero che Tabacchi è giovanissimo, lo è anche il fatto che in Europa i 18enni spesso giocano con continuità in prima squadra, mentre in Italia il processo è notevolmente ritardato per la consueta riluttanza a far giocare i giovani talenti. Tabacchi compirà i 18 anni a giugno, ieri è arrivato il suo regalo di compleanno anticipato, chissà che a luglio non ce ne possa essere un altro con la convocazione per il ritiro del Bologna in Trentino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy