Simone Verdi: la carriera

Simone Verdi: la carriera

Il sito del Bologna F.C ha annunciato oggi l’acquisto a titolo definitivo delle prestazioni del giocatore del Milan, Simone Verdi.

Riportiamo dal sito ufficiale dei Rossoblù, la carriera del neo acquisto del Bologna:

Eclettico elemento dalla spiccata propensione offensiva, fin dai tempi delle giovanili svolte interamente al Milan ha ricoperto la posizione di esterno del 4-4-2 o del 4-3-3, oppure adattandosi con profitto ad agire più arretrato rispetto alla punta centrale di un 4-2-3-1. Con Ventura al Torino, al primo approccio col calcio dei professionisti dopo avere letteralmente bruciato le tappe a livello giovanile, è stato impiegato largo nel 4-2-4 a trazione totalmente anteriore dei granata; ma è nella grande stagione di Empoli, coronata con la conquista della Serie A, che Simone si è distinto e si è fatto conoscere dai più, giocando 40 partite ad alti livelli nello scacchiere di Sarri da trequartista puro, per innescare Tavano e Maccarone, con anche 5 reti realizzate.

Verdi, pavese classe ’92, spicca per controllo di palla e capacità repentina di saltare l’uomo, sia andando sul destro che sul sinistro, sempre in bello stile con grande agilità e imprevedibilità: da ambidestro può agire da un lato o dall’altro del campo, e unisce la tecnica in velocità – aspetto non usuale e preziosissimo – alla predisposizione, fondamentale nelle ripartenze, ad inserirsi negli spazi anche senza palla. Colonna delle Nazionali giovanili parallelamente alla crescita col Milan, ha debuttato in Under21 due estati fa, e ha preso parte nel 2015 alla spedizione degli uomini di Di Biagio agli Europei di categoria in Repubblica Ceca.

Dopo essersi confermato ad Empoli anche nel primo anno di A dei toscani come importante pedina d’attacco (un gol al Napoli, più uno alla Roma in Coppa Italia), ha vissuto nell’ultima stagione un prestito di qualche mese nei Paesi Baschi all’Eibar, ma dopo qualche problema fisico di troppo ha preferito fare rientro nella nostra Serie A per disputare col Carpi di Castori il girone di ritorno, terminato con 3 reti in 8 presenze. In particolare, con un penalty e un gran gol con un tiro a giro a Karnezis, ha firmato la doppietta della 38° giornata sul campo dell’Udinese che non ha comunque evitato agli emiliani la retrocessione. Dal luglio 2016 passa in rossoblù a titolo definitivo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy