Saputo vuole investire ancora: il presidente è pienamente soddisfatto del suo Bologna

Saputo vuole investire ancora: il presidente è pienamente soddisfatto del suo Bologna

Il chairman rossoblù tornerà in Emilia il 20 marzo in occasione di Atalanta-Bologna. Incontrerà i dirigenti e il cda per discutere di nuovi investimenti: in primis si punta a rinnovare il centro tecnico di Casteldebole.

Joey Saputo ieri ha lasciato Bologna, ma non vede l’ora di tornarci per continuare a godersi da vicino la sua squadra che tanta soddisfazione gli ha dato in questi giorni.

Come riporta ‘Stadio’ il presidente rossoblu è rimasto stupito in positivo dall’accoglienza della città e soprattutto dalla prestazione dei felsinei venerdì sera contro la capolista Juventus. Proprio la gara contro i bianconeri ha confermato definitivamente la solidità e la maturità del Bologna, infatti Saputo è fiero della squadra e vuole continuare a investire per migliorare ancora. Il suo ritorno in Emilia è previsto per il 20 marzo quando assisterà alla sfida a Bergamo contro l’Atalanta, Saputo arriverà il giorno precedente alla partita con il suo jet privato.

In questi giorni il chairman ha voluto visitare la Green Room all’Isokinetic, passando qualche ora coi fondatori del centro eccellenza Fifa: Stefano Della Villa e Gianni Nanni. Poi si è recato al Temporary Store in Galleria Cavour e infine ha presenziato a una riunione con tutti i dirigenti del Bologna e il cda. Si è discusso di nuovi investimenti su strutture per il futuro e se ne discuterà ancora nel prossimo incontro a metà marzo. In primis il presidente punta a rinnovare e ampliare il centro tecnico di Casteldebole: è vicino un accordo da 4 milioni di euro per tre nuovi campi sintetici e una foresteria. Il 26 febbraio Saputo non potrà esserci alla riunione in Lega per discutere i diritti tv, ma al suo posto ci sarà l’ad Fenucci che farà valere la linea d’azione già concordata con il presidente per ottenere una ripartizione delle risorse più equa. Dall’altra parte del mondo c’è anche Marco Di Vaio, non negli USA ma in Argentina, dove il club manager è alla ricerca di giovani talenti sudamericani. Si sta lavorando anche per allacciare rapporti internazionali con Boca Juniors, River Plate e San Lorenzo, per dare una dimensione globale a questo nuovo Bologna.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy