Sampdoria-Bologna 2-0: le pagelle

Sampdoria-Bologna 2-0: le pagelle

SAMPDORIA

Viviano 6

Cassani SV Dal 22’ Pereira 6

Silvestre 6.5

Moisander 6

Regini 5.5

Ivan 6 Dal 65’ Correa 6

Fernando 5.5

Barreto 6

Soriano 6.5

Eder 6.5

Muriel 6 Dall’82’ Rodriguez SV

Zenga 6

BOLOGNA

Mirante 6 – Compie la prima parata dopo un’ora di gioco, levando un tiro di Eder da sotto la traversa. Sui due gol non gli si può rimproverare nulla.

Ferrari 7 – Ottimo su entrambi i fronti, con chiusure puntuali e sgroppate pericolose. Più affidabile in fascia che in mezzo? Al momento, sì.

Rossettini 5 – Certo, con l’uomo in meno la Samp ha più spazio per attaccare, e i suoi avanti sono complicati da tenere. Ma il capitano non è esente da colpe.

Maietta 5 – Come il compagno di reparto, perde lucidità nel finale. Un paio di buchi decisivi, ed Eder lo infila sull’uno a zero.

Masina 5.5 – Gara sottotono per il terzino, e questo spiega quanto si creda in lui.

Donsah 6 – Un fisico col quale potrebbe spaccare il mondo, una comprensione del gioco potenzialmente interessante. Oggi non era al meglio, ma il giudizio dopo le prime due partite è che debba giocare sempre. Dal 68’ Pulgar 5.5 – Entra quando la partita sta già prendendo la piega sbagliata.

Taider 5.5 – Il ritorno in rossoblù non è bagnato da una prestazione stratosferica: primo tempo a fasi alterne, uno scampolo del secondo ai margini. Dal 56’ Diawara 5.5 – Non riesce a entrare in partita.

Giaccherini 6 – Si infortuna praticamente al primo pallone toccato, si spera non sia nulla di grave. Dal 28’ Rizzo 3 – Il primo giallo fa parte del gioco, il secondo è una fesseria imbarazzante: il suo rosso è lo spartiacque della gara.

Brienza 6.5 – Il 4-2-3-1 è costruito apposta per tenerlo in campo, e la scelta di Rossi è felice: una traversa colpita, pochissimi palloni sbagliati ed è l’ultimo a mollare.

Mounier 6 – Sul primo dribbling pare il giocatore più forte del campionato, ma poi si impantana sempre sulla stessa zolla.

Destro 4.5 – Tocca pochi palloni, ma con più grinta potrebbe toccarne decisamente di più, e pure pericolosi. Non ci siamo ancora.

Rossi 6 – In parità numerica il suo Bologna non sfigura, anzi ai punti sarebbe avanti. Il rosso di Rizzo fa crollare il solido castello costruito dal mister.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy