Sabatini pista difficile, cosa farà il Bologna?

Sabatini pista difficile, cosa farà il Bologna?

Fenucci prova la carta Sabatini, ma non sarà facile. Saputo invece ragiona sulle possibili uscite finanziarie.

Lo ha ammesso Claudio Fenucci: “Portare Sabatini a Bologna è difficile”. Tradotto: anche se dobbiamo ancora rescindere con Corvino, ci stiamo lavorando. Perché può essere complicata questa soluzione? Innanzitutto, Sabatini è sotto contratto con la Roma, ha già comunicato al club di voler chiudere l’avventura giallorossa il 30 giugno ma Pallotta fa resistenza. La proprietà della Roma vuole trattenere Sabatini, e con essa sia Baldissoni e forse anche Spalletti la pensano uguale. Ecco dunque che in caso di secondo posto Sabatini potrebbe anche restare in giallorosso, nonostante è lecito pensare che il dirigente voglia mantenere la parola data e salutare Roma a fine stagione.

Su questo fa leva il Bologna, sulla volontà di Sabatini di andare via e magari di inserirsi in una compagine societaria che ha all’interno un grande amico come Claudio Fenucci. Ma fino a che la Roma non lo libererà il club rossoblù rimarrà in una posizione di stallo. In questo caso il Bologna dovrebbe cautelarsi con altri candidati pronti a ricoprire il ruolo di Ds, però evidentemente è stato deciso di non affondare il colpo. Si aspetta Sabatini, con tutti i rischi del caso e senza avere la certezza che questi possa effettivamente accettare Bologna viste le altre proposte sul tavolo. Gli incontri con Fenucci hanno portato ad un accordo di massima, persiste, però, un discorso economico relativo al budget. Saputo non è intenzionato ad elargire un tesoretto importante per la prossima campagna acquisti, infatti il budget potrebbe essere incrementato dalla cessione di Diawara, e Sabatini è sempre stato abituato a lavorare con ampie e importanti risorse a disposizione. C’è di più, perché se la figura ingombrante di Corvino ha portato a frizioni all’interno del club, con conseguente e probabile cambio di Ds, l’inserimento di una figura autonoma come quella di Sabatini potrebbe riproporre lo stesso problema. Evidentemente Fenucci non la pensa allo stesso modo. Uno snodo importante, in conclusione, potrebbe essere il cda della prossima settimana, quando Saputo – assieme al fido Marsili – farà il punto della situazione a livello finanziario. In sostanza, sulla base della valutazione dei costi relativi al centro tecnico, allo stadio, e al mercato, si capirà se c’è la possibilità di inserire un pezzo grosso come Sabatini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy