Sabatini, il nodo è sempre la Roma

Sabatini, il nodo è sempre la Roma

Bologna in asia per la situazione di Walter Sabatini, ancora vincolato dal suo contratto con la Roma

Il Bologna ancora non sa quando potrà fare affidamento sulle prestazioni di Walter Sabatini, Ds scelto da Claudio Fenucci per sostituire Pantaleo Corvino. Il dirigente giallorosso ha da tempo presentato le dimissioni al presidente Pallotta, perché ha deciso di chiudere l’avventura a Roma senza chiedere un euro alla sua società. Fenucci ha trovato un accordo sulla parola con Sabatini e sulla sponda Bologna la decisione è presa.

Il problema di fondo è nella capitale, perché Pallotta ancora non ha liberato Sabatini e sia Baldissoni che l’allenatore Spalletti stanno cercando di convincerlo a restare. In realtà Sabatini ha deciso e sarebbe pronto a sposare il progetto Bologna (nonostante anche una timida corte del Milan e il Chelsea sempre sullo sfondo) ma in questo momento è la Roma a fare muro mettendo i bastoni tra le ruota al club rossoblù. Chiaramente, essendo ormai a maggio inoltrato, il Bologna non può aspettare in eterno lo sbloccarsi di una situazione intricata e se il club giallorosso non libererà Sabatini in tempi brevi Fenucci sarà costretto a virare su altri obiettivi. Ecco perché Saputo è pronto ad entrare in azione telefonando personalmente a Pallotta, mentre Sabatini cercherà nei prossimi giorni di forzare la situazione chiedendo una volta per tutte di essere liberato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy