Restyling Dall’Ara: le possibili sedi in caso di trasloco

Restyling Dall’Ara: le possibili sedi in caso di trasloco

Gli impianti disponibili in caso di trasloco

Uno dei problemi principali per quanto riguarda il restyling del Dall’Ara, risiede nell’eventuale trasloco se l’impianto di via Andrea Costa non risultasse agibile durante i lavori.

La soluzione più semplice sarebbe il Braglia di Modena. In questa stagione non sarebbe praticabile, ci giocano già Modena e Carpi, se i biancorossi retrocedessero potrebbero però tornare al Cabassi e aprire una possibilità per i rossoblù. Entrerebbero in ballo anche altre dinamiche, come i rapporti tra Modena e Bologna, e quello tra le due tifoserie. I due club sono comunque rivali.

Prende quota la soluzione Ferrara. Il Mazza è un impianto fatiscente, ma con una struttura all’inglese. La Spal ha già avviato i discorsi con il Comune per un ammodernamento, soprattutto con la squadra vicina alla promozione in B, se questa operazione andasse in porto allora il Bologna potrebbe cogliere l’occasione in caso di necessità. Il problema è la capienza ridotta, che non supera le 10mila presenze.

Un’altra ipotesi sarebbe lo stadio Benelli di Ravenna, ma anche in questo caso l’impianto avrebbe bisogno di un restyling. La situazione del Ravenna non aiuta, essendo i giallorossi in Serie D. Al momento l’ipotesi sembra difficilmente percorribile, anche se la capienza (12mila) è superiore a quella del Mazza.

Esclusa l’ipotesi Cesena, lontananza e rapporti non aiutano, rimangono il Tardini di Parma e il Mapei Stadium di Reggio Emilia. Il Tardini è un impianto molto all’inglese e problemi di occupazione non ce ne sarebbero. Gioca una sola squadra e per giunta caduta nelle serie minori. Il problema è la distanza, anche se in treno la città è facilmente raggiungibile. Al Mapei Stadium invece c’è un problema riempimento, ci giocano infatti sia Sassuolo che Reggiana.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy