Fuochi: “Mercato oculato, ma non esaltante. Lo sapevamo”

Fuochi: “Mercato oculato, ma non esaltante. Lo sapevamo”

Le parole di Walter Fuochi a Radio Bologna Uno

Intervenuto a Quasi Gol, il collega di Repubblica Walter Fuochi ha risposto alle domande di Sabrina Orlandi e degli ascoltatori:

“Giudizio sugli acquisti del Bologna? Il club si è mosso con anticipo, gli obiettivi erano stati individuati in precedenza – ha affermato – La buona notizia è arrivata in settimana; non ci saranno cessioni eccellenti per far quadrare i conti. Partirà Donsah. Non è un mercato esaltante ma lo sapevamo, cercheremo di prendere giocatori solidi. Anche Avenatti e Falletti avranno la loro chance, per la loro carriera è un salto di qualità e sul loro impegno non ci saranno dubbi”.

Ancora Fuochi: “Il Bologna non partecipa al mercato delle cifre folli – ha proseguito – Non c’è da sorprendersi di queste operazioni. Anche il povero Di Francesco è retrocesso a Lanciano e ora è in orbita nazionale. Le bocciature preconcette possono essere sbagliate, perché anche le strade più tortuose possono arrivare in paradiso”.

Sul basket: “Sta nascendo una Fortitudo più esperta per tentare di andare su, era stato fatto anche qualche nome più brillante come Ancellotti, ma per ora è arrivato solo Chillo che ha un profilo inferiore. Il mercato però non è finito. I giocatori arrivati sono di qualità e stagionati”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy