Pescara in piena emergenza

Pescara in piena emergenza

Oltre ai numerosi infortuni, gli abruzzesi si allenano con la Digos a bordo campo

L’avvicinamento del Pescara alla gara contro il Bologna che Il Resto del Carlino descrive tra le sue pagine questa mattina non è dei migliori, per usare un eufemismo. Per la squadra abruzzese, che il suo stesso presidente Sebastiani ammette di aver sopravvalutato, gli allenamenti si stanno svolgendo in una situazione surreale: blindati, con la Digos a controllare le sedute da bordo campo.

Inoltre c’è aria di rivoluzione in casa bianco-azzurra: molti giocatori sembrano con le valigie in mano, da Aquilani a Muric, da Coda a Manaj mentre si è pronti a potenziare la squadra con l’interesse per Mandragora , Migliaccio, Buchel e Pinilla. Proprio su quest’ultimo si potrebbe accendere una sfida con il Bologna, in cerca di un attaccante.

Per ora la sfida però sarà sul campo, con il Pescara che dovrà rinunciare ad Aquilani, squalificato, oltre a numerosi infortunati: fermi ai box Bahebeck, Pepe, Coda, Brugman, Biraghi e Fornasier.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy