Parma, ultimatum dei giocatori alla società

Parma, ultimatum dei giocatori alla società

Non porta sollievo l’arrivo del nuovo proprietario del Parma Giampietro Manenti. La scadenza imminente e improrogabile è quella del 16 febbraio in cui la società dovrà saldare gli stipendi arretrati se vorrà evitare la messa in mora da parte dei calciatori sotto contratto. Qualcuno ipotizzava come i giocatori avrebbero potuto concedere una proroga ma invece non sarà così. In una nota Ansa il difensore Massimo Gobbi è stato chiaro: “Ci dobbiamo tutelare dopo questi mesi di attesa. Alla società abbiamo fatto presente che quella è la data più importante per il futuro e non ci saranno ulteriori proroghe. E’ tutto predisposto con la nostra associazione, l’Aic”. Tempi duri dunque per Manenti che non più tardi di ieri non ha dissipato i dubbi sulla cordata di investitori chiamati a tirare fuori diversi milioni di euro nel giro di pochi giorni per le mensilità arretrate ai giocatori. La sensazione è che la situazione sia ancora in alto mare. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy