Palermo fragile in difesa, ma attenti a Diamanti e Nestorovski

Palermo fragile in difesa, ma attenti a Diamanti e Nestorovski

Rosanero reduci da cinque sconfitte di fila.

di
Jacopo Biondini

Domenica arriva al Dall’Ara un Palermo in piena crisi alla disperata ricerca di punti salvezza. I rosanero sono reduci da una scia negativa di cinque sconfitte consecutive, l’ultimo punto ottenuto risale al 2 ottobre: pareggio esterno contro la Samp. L’ultima e unica vittoria è invece datata 21 settembre quando i rosanero hanno superato l’Atalanta in trasferta a Bergamo. Sei punti in dodici gare sono un bottino misero, ma attenti a non sottovalutare la fame di punti dei siciliani. Il punto debole della squadra di De Zerbi è sicuramente la difesa, la peggiore del campionato dopo quella del Crotone ultimo. I ventitre gol subiti in dodici partite sono un chiaro segno della fragilità della retroguardia palermitana che domenica pomeriggio si troverà di fronte la voglia di gol di Mattia Destro, appena rientrato dall’infortunio.

Attenzione però all’attacco rosanero che ha in Nestorovski la sua punta di diamante. L’attaccante macedone prelevato in estate dall’Inter Zapresic per 500mila euro sta rendendo al di sopra delle aspettative segnando ben sei dei nove gol totali realizzati dal Palermo. È lui l’uomo più pericoloso dei siciliani, sempre in gol nelle ultime tre gare disputate dai rosanero: sarà proprio il macedone l’osservato speciale della difesa rossoblu. Non solo Nestorovski però, il reparto offensivo del Palermo annovera anche un temutissimo ex: Alino Diamanti. Il fantasista è stato fin qui impiegato solo per gli ultimi spezzoni di gara ma ha fatto vedere di non aver perso il tocco e di essere ancora pericoloso con la palla tra i piedi. Il ritorno al Dall’Ara può essere per lui una spinta in più.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy