Palacio si presenta: “Sono pronto. Destro? Il gol arriverà”

Palacio si presenta: “Sono pronto. Destro? Il gol arriverà”

La presentazione del nuovo attaccante rossoblù

Primo incontro con la stampa per Rodrigo Palacio che è stato presentato oggi pomeriggio. Poche parole, ma tanti fatti. Questa è la mentalità che porta qui el Trenza, giunto per dare una mano ad una squadra già bersaglio di critiche dopo l’eliminazione in Coppa Italia:

“Sto bene mi sono allenato da solo, mi ci vorrà un po’ di tempo ma sono a disposizione – ha ammesso Palacio – Ho parlato con il mister, mi ha chiesto di aiutare la squadra e io sono pronto a giocare dove lui vuole, in qualunque posizione dell’attacco. Vengo qui con l’idea di vincere ogni volta che si scende in campo”.

Sulla scelta di Bologna: “Fin da subito, quando mi hanno parlato di Bologna, ho dato la mia disponibilità. Mi piaceva la destinazione, poi ho visto il centro sportivo ed è bellissimo. Sono molto contento e i compagni mi hanno accolto bene”

Subito una domanda sulla prima sconfitta all’esordio ufficiale. Palacio non drammatizza: “Cittadella? La squadra è dispiaciuta, c’è voglia di riscatto. Le partite di inizio stagione sono sempre difficili e ora pensiamo solo al campionato perché vogliamo partire bene contro il Torino”.
Chi invece dovrà fare il salto di qualità è Mattia Destro: “E’ un grande attaccante, possiamo giocare assieme anche perché a me piace giocare da seconda punta. Speriamo di aiutarlo a segnare di più. Sono stato suo compagno quando ancora stava emergendo e già avevo notato le sue qualità. Per un attaccante il gol è tutto, deve stare tranquillo perché ci sono momenti in cui si segna e altri invece in cui si fa più fatica”.

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RossaRossoBlù - 1 mese fa

    Spesso gli stimoli contano più dell’età, ad esempio mi viene in mente Luca Toni che tre anni fa ne aveva 37 quando con il Verona vinse (Seppur in coabitazione con Icardi) il titolo di capocannoniere.
    E Di Vaio venne a Bologna che ne aveva 32, eppure tutti sappiamo cos’ha rappresentato per il Bologna.
    Chiaramente non si possono fare paragoni, Palacio non è a quei livelli, ma è per dire che quando sei integro fisicamente e ne hai voglia puoi ancora fare bene anche in età (calcisticamente parlando) avanzata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy