Pagliuca: «Fidiamoci di Saputo. Mirante e Diawara…»

Pagliuca: «Fidiamoci di Saputo. Mirante e Diawara…»

L’ex portiere ha speso parole al miele per il patron del Bologna: «Ha un progetto ambizioso». Su Mirante e Diawara…

L’ex portiere rossoblù Gianluca Pagliuca ha analizzato sulle pagine del QS le mosse di mercato del suo Bologna. In Emilia si guarda al futuro. «Giovani uguale futuro: è l’equazione che testimonia come Saputo abbia un progetto ambizioso e di lungo periodo. Obiettivi? Il decimo posto, per cominciare, mi sembra un obiettivo realistico. Poi, tra due anni, si può puntare a fare quello che ha appena fatto il Sassuolo».

Il Bologna deve ripartire da Mirante, impensabile lasciar partire l’estremo difensore campano. «Punto primo: non credo che il Bologna sia disposto a mollarlo. Punto secondo: ditemi una ragione al mondo per cui un portiere di 33 anni, nel pieno della maturità, dovrebbe accettare di fare il vice a Buffon, che come insegna la storia significa ammuffire in panchina. Capirei se Mirante avesse 40 anni: ma ne ha sette di meno».

Differente il discorso per Diawara, che potrebbe partire, ma sono in caso di offerta irrinunciabile. «Per fortuna a Casteldebole c’è gente più qualificata di me che dovrà prendere questa decisione. Per me se arriva l’offerta super Diawara puoi anche lasciarlo partire, l’importante è non svenderlo: ma questo non accadrà, perché non c’è una proprietà che ha bisogno di fare cassa. E allora, da tifoso, dico che rivederlo qui non mi dispiacerebbe».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy