Nervo sui nazionali: “Realizzano un sogno”

Nervo sui nazionali: “Realizzano un sogno”

Le parole di Carlo Nervo a Stadio

Carlo Nervo esordì in nazionale nel 2002 in un match contro la Turchia, la sua convocazione arrivò dopo il fallimento della spedizione mondiale ma fu quasi inaspettata. Chi meglio di lui, da ex giocatore del Bologna, può comprendere cosa si prova ad indossare la maglia azzurra:

“E’ la realizzazione di un sogno – ha ammesso a Stadio – Per il club, inoltre, è motivo di orgoglio perché significa che ci sono giocatori di talento in rosa. La mia convocazione? ricordo che mi avvisò Guidolin dopo un allenamento, evidentemente Trapattoni voleva facce nuove e io non ero più un ragazzino”. Un pensiero su Verdi, appena convocato: “Ha fatto i miglioramenti più evidenti, è una rivelazione e se non ci fosse stato quell’infortunio sarebbe riuscito a fare anche di più. Di Francesco? E’ forte, più del papà anche se a volte è un po’ lezioso ma fa parte della sua età. Giocare in nazionale è uno stimolo, i giocatori queste cose le sentono e vogliono far vedere che la convocazione se la sono meritata”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy