Mossini: “Il Bologna sta perdendo Giaccherini, si trova uno migliore di lui a un buon prezzo?”

Mossini: “Il Bologna sta perdendo Giaccherini, si trova uno migliore di lui a un buon prezzo?”

Le parole di Alessandro Mossini a ‘Quasi Gol’.

Ai microfoni di ‘Quasi Gol‘ è intervenuto Alessandro Mossini che ha commentato la situazione legata a Giaccherini e ha analizzato la sonora sconfitta subita dalla Fortitudo a Treviso.

In primis il giornalista apre con alcune considerazioni sulle parole di Valcareggi che di fatto ha allontanato Giaccherini dal Bologna: “Le parole del suo procuratore sono un segnale che il Bologna sta perdendo Giaccherini. Da mesi il giocatore ha sempre ribadito di voler rimanere qua ma se dalla società non arrivano interessamenti o non ci sono i soldi per riscattarlo a quelle cifre allora è legittimo che Valcareggi faccia queste dichiarazioni. Il Sunderland è partito chiedendo 6 milioni di euro, cifra molto alta per un calciatore in scadenza a gennaio, ma io credo che un prezzo congruo si aggiri intorno ai 3-4 milioni. Giaccherini ha segnato sette gol, guadagnato due rigori e firmato quattro assist: a che prezzo si trova sul mercato italiano un esterno che ha questi numeri?”.

Passando al basket Mossini fa il punto della situazione in casa Virtus e commenta la disastrosa sconfitta della Fortitudo in gara-2: “Per quanto riguarda la Vu Nera in queste ore ci sono sondaggi per il ruolo di direttore generale e di allenatore, Bucci sta seguendo le operazioni. La Fondazione ha ereditato una situazione che era difficile già da prima. Per la Effe invece in chiave playoff un meno 45 o un meno 1 cambia poco, più pesante è l’infortunio di Leo Candi che va ad aggiungersi a Flowers tra gli assenti illustri. Nulla è perduto perchè vincere al PalaDozza è difficile per tutti ma senza Candi si complica. C’è aria frizzante sia tra le tifoserie sia tra le società”.

Infine il giornalista ha dato un suo giudizio sui 23 scelti da Conte per affrontare l’Europeo in Francia: “Aspetto con ansia di vedere l’Italia di Conte ma temo che per noi non sarà un grandissimo Europeo. L’esclusione di Bonaventura è legata al modulo su cui punta il ct: con il 3-5-2 il rossonero non trova una collocazione in campo. Lasciare a casa gente come Pavoletti, Gabbiadini e Jorginho è un errore. Immagino che il tecnico voglia fare un 3-5-2 battagliero per giocare sulla difensiva e ripartire in contropiede ma penso che abbia scelto gli uomini sbagliati. Thiago Motta con la maglia numero 10?Non c’è un giocatore degno di vestire la 10 in questa nazionale. L’unico oriundo che andava chiamato è Jorginho perchè è uno dei pochi che ha qualità a centrocampo. Io in attacco avrei chiamato Lapadula, Pavoletti, Belotti e Zaza”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy