Mondonico: “Per battere l’Atalanta bisogna correre e il Bologna fisicamente ha qualche problema”

Mondonico: “Per battere l’Atalanta bisogna correre e il Bologna fisicamente ha qualche problema”

Emiliano Mondonico ha raccontato i segreti di questa Atalanta e dato qualche consiglio a mister Donadoni

Alla vigilia di Bologna-Atalanta, il Corriere di Bologna ha intervistato Emiliano Mondonico, tecnico che alla guida dell’Atalanta riuscì ad arrivare in semifinale in Coppa delle Coppe nel 1988.

Mondonico ha spiegato i segreti di questa Atalanta e come, forse, si può riuscire a batterla. “Gasperini ha avuto coraggio, la svolta è figlia sopratutto delle sue scelte. Nell’Atalanta tutti parlano la stessa lingua, tutti giocano e tutti aiutano alla stessa maniera”

Per Donadoni: “Se fossi in lui guarderei bene il secondo tempo dell’Atalanta contro la Roma e trarrei qualche conclusione. Ad esempio che il Bologna dovrà giocare con le stesse armi, con la stessa intensità dei bergamaschi, con la stessa aggressività e non deve mollare mai. La Roma ha mollato un secondo ed è stata asfaltata”.

Come affrontare l’Atalanta: “Io farei molta attenzione ai cambi perchè in campo deve restare sempre una squadra fisicamente tosta perchè per batterla devi correre e rincorrere più di lei. Il Bologna è svantaggiato perchè fisicamente non sta benissimo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy