Monari: “Difficile la permanenza di Giaccherini”

Monari: “Difficile la permanenza di Giaccherini”

Le parole di Simone Monari a ‘Quasi Gol’.

Simone Monari è intervenuto a ‘Quasi Gol’ parlando della questione Ds e del mercato rossoblu.

Entro qualche giorno arriverà l’ufficialità della rescissione del contratto con Corvino, poi il Bologna potrà ingaggiare il suo sostituto. Il giornalista di Repubblica ha fatto il punto della situazione: “La pista Sabatini è tramontata. Tra gli addetti ai lavori nessuno dava credito a questa possibilità ma la dirigenza rossoblu invece ci credeva ed ora è costretta ad accettare un rifiuto e virare su altri candidati. Ci si poteva muovere prima e risparmiare tempo, invece l’attesa di Sabatini ci ha rallentato. C’era tempo per partire prima con il mercato, ora il Bologna paga la rottura del rapporto con Corvino, se ci fosse stato lui non saremmo stati un mese bloccati”.

Poi Monari ha parlato di mercato analizzando le possibili cessioni: “Mirante credo che rimarrà al Bologna perchè sta bene qua e ha il posto da titolare garantito, se andasse alla Juve farebbe la riserva. Diawara partirà se dovesse arrivare una bella offerta. Per quanto riguarda Giaccherini io vedo difficile la sua permanenza. Deve dimezzarsi lo stipendio e poi bisogna valutare le richieste del Sunderland: se chiede 4/5 milioni diventa molto complicato. La squadra rossoblu sarà ritoccata, non rivoluzionata. I nuovi acquisti arriveranno all’inizio durante il periodo del ritiro, non come l’anno passato in cui si è ritardato molto. Brienza lo terrei, ha dimostrato di avere parecchie cose da insegnare e a livello tecnico è il migliore che abbiamo. Non gli si può chiedere di fare 90 minuti a gara però se gioca alcuni spezzoni può risultare molto importante. Ferrari mi piace molto ma forse conviene mandarlo in prestito per fare esperienza e poi riprenderlo il prossimo anno. Mounier e Crisetig possono partire così come Pulgar che non mi ha entusiasmato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy